Tratto dallo speciale:

Cartelle esattoriali: incostituzionale la notifica

di Francesca Vinciarelli

scritto il

La Corte Costituzionale boccia la notifica della cartella esattoriale nei casi di irreperibilità del contribuente: affissione in Comune e raccomandata a/r incostituzionali.

È incostituzionale la modalità di notifica rapida della cartella di pagamento così come avviene ora (in base all’articolo 140 del codice di procedura civile) nel caso di soggetti irreperibili.

È quanto dichiarato dalla Corte Costituzionale nella sentenza n. 258 del 22 novembre 2012 con riferimento al terzo comma (corrispondente all’attuale quarto comma) dell’art. 26, D.P.R. n. 602/1973 (“Disposizioni sulla riscossione delle imposte sul reddito”).

=> Leggi le normative aggiornate sulle cartelle esattoriali

Questo stabilisce che la notifica delle cartelle esattoriali nei casi di irreperibilità relativa debba avvenire secondo le modalità stabilite dall’art. 60 del D.P.R. n. 600/1973.

=> Leggi il Ddl contro le cartelle pazze di Equitalia

In altre parole è incostituzionale l’affissione dell’avviso del deposito nell’albo del Comune, che avviene di norma il giorno successivo al tentativo di notifica e da quel momento la notificazione si ritene eseguita.

Allo stesso modo è incostituzionale anche la successiva comunicazione al destinatario dell’avvenuto deposito mediante raccomandata con ricevuta di ritorno. In sostanza le stesse modalità utilizzate per gli avvisi di accertamento.

=> Leggi perché sono valide le cartelle notificate a mezzo posta

Procedura che secondo la Corte può essere utilizzata solo nell’ipotesi in cui vi sia completa assenza di abitazione, ufficio o azienda del destinatario nel Comune.