Bonus facciate per ringhiera balconi

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Alfio chiede

I balconi sembra siano ammessi alla detrazione del 90%, ma cosa si intende per balcone? Piano di calpestio, sotto balcone, frontalino. E la ringhiera del balcone aggettante è parte integrante del balcone oppure no? La spesa per il suo rifacimento è ammissibile al bonus?

Barbara Weisz risponde

Premesso che la sua è una domanda tecnica, quindi faccia altre verifiche, direi che tutti i lavori di rifacimento del balcone sono agevolabili con il bonus facciate.

Innanzitutto, il testo della norma fa esplicito riferimento al fatto che l’agevolazione di applichi a « strutture opache della facciate, balconi o su ornamenti e fregi». C’è quindi un esplicito riferimento ai balconi, che di conseguenza mi pare vadano considerati nel loro complesso.

Fra l’altro, la Guida dell’Agenzia delle Entrate specifica che sono ammessi i lavori di “rinnovo degli elementi costitutivi dei balconi”. Di conseguenza, gli elementi da lei citati (piano di calpestio, sotto balcone, frontalino) mi pare siano decisamente ammessi all’agevolazione.

L’unico dubbio potrebbe sussistere in merito alla ringhiera, perché non si tratta di una struttura opaca della facciata. La stessa Guida dell’Agenzia delle Entrate fa rientrare fra le opere agevolabili «i lavori riconducibili al decoro urbano quali quelli riferiti alle grondaie, ai pluviali, ai parapetti, ai cornicioni e alla sistemazione di tutte le parti impiantistiche che insistono sulla parte opaca della facciata». Quindi, inserisce elementi (come le ringhiere) che si trovano sulla parte opaca della facciata. E, comunque, come detto, specifica che sono agevolabili tutti i lavori effettuati sui balconi.

E’ anche vero che le ringhiere possono essere considerate “beni finiti“, ovvero indipendenti dal resto del balcone. A questo proposito, un utile riferimento di prassi può essere rappresentato dalla risposta a interpello 71/2020 dell’Agenzia delle Entrate che, pur riguardando l’applicabilità di agevolazioni diverse dal bonus facciate, fa riferimento al concetto di “beni finiti”, che «anche successivamente al loro impiego nella costruzione o nell’intervento di recupero non perdono la loro individualità, pur incorporandosi nell’immobile». E fra questi inserisce chiaramente anche la «ringhiera per balcone completa di ogni elemento, ringhiera per recinzione completa di ogni elemento, tettoie per balconi e terrazze che vengono montate sul pavimento e sulla facciata dell’edificio».

=> Bonus facciate: requisiti e interventi ammessi

Sarebbe forse necessario un chiarimento specifico su questo punto, ma in linea generale il fatto che la legge si riferisca esplicitamente ai lavori sui balconi, e l’inserimento fra i lavori agevolabili di quelli su strutture (come i pluviali) che comunque si trovano sulla parte opaca della facciata, potrebbe far rientrare nell’agevolazione anche le ringhiere.