Tratto dallo speciale:

Esonero contributi INPS, domande entro il 16 dicembre

di Redazione PMI.it

scritto il

Proroga domande al 16 dicembre per le aziende dei settori turismo, cultura e commercio che richiedono l'esonero contributo INPS concesso dal Sostegni bis.

Conto alla rovescia per la richiesta di esonero contributivo per i datori di lavoro dei settori turismo, cultura e commercio previsto dal decreto 73/2021 (Sostegni bis): domanda all’INPS entro il 16 dicembre, termine prorogato in extremis rispetto al precedente del 10 dicembre.

Come fare domanda di esonero INPS

In considerazione dell’alto numero di richieste, e della concomitanza di altri adempimenti relativi alla gestione delle misure collegate all’emergenza epidemiologica da COVID-19, con messaggio 4438/2021, l’INPS ha infatti stabilito il differimento della scadenza a giovedì 16 dicembre.

Per presentare la domanda si utilizza il modulo di istanza online “SOST.BIS_ES”, disponibile nel “Portale delle Agevolazioni”, sul sito INPS.

A chi spetta l’esonero contributivo

L’esonero, previsto dall‘articolo43 del dl 73/2021 spetta ai datori di lavoro dei seguenti settori:

  • turismo,
  • stabilimenti termali,
  • commercio,
  • settore creativo,
  • cultura e spettacolo.

E’ un esonero dal pagamento dei contributi previdenziali dovuti dal 25 maggio al 31 dicembre 2021, in misura non superiore al doppio delle ore di integrazione salariale fruite nei mesi di gennaio, febbraio e marzo 2021. I beneficiari dell’agevolazione devono rispettare le regole sul divieto di licenziamento fino al 31 dicembre 2021.

Scadenza e fruizione esonero

L’INPS fornisce anche un chiarimento sul termine del 31 dicembre 2021 previsto per la fruizione della misura, che non va inteso come un termine decadenziale entro cui i datori di lavoro devono materialmente fruire dell’esonero, bensì come il termine previsto dal Legislatore per identificare il periodo di competenza (dal 26 maggio 2021 alla competenza del mese di novembre 2021) nel quale l’esonero, quantificato in base al doppio delle ore di integrazione salariale fruite nel primo trimestre 2021, può essere applicato.