Tratto dallo speciale:

L’internazionalizzazione delle PMI

di Alessia Valentini

scritto il

Guida ai passi da compiere e alla scelta del partner per PMI che intendono affrontare un percorso di internazionalizzazione o che scommettono sull'Export.

Non sempre “tutto il mondo è paese”, almeno non in ambito business: le PMI che intendono affrontare un percorso di internazionalizzazione si trovano a dover gestire un processo di cambiamento complesso, che parte dall’idea imprenditoriale, passa per la fase di studio e ricerca e solo alla fine approda alla realizzazione del progetto.

Il tutto, perseguendo la ricerca di potenziali partner, la creazione di reti commerciali o la realizzazione di investimenti produttivi.

=>Leggi la Guida di all’Internazionalizzazione delle PMI italiane

Export e PMI

Per muovere i primi passi è bene farsi un’idea dello scenario di riferimento e comprendere le difficoltà ancor prima dei benefici. Una lettura utile in questo senso può essere la ricerca Le PMI e la sfida della Internazionalizzazione (a cura del Centro Studi CNA), che analizza l’attuale sistema di promozione e di accompagnamento delle imprese all’estero.

Lo studio evidenzia come le aziende più attive sui mercati esteri siano anche quelle che meglio hanno retto i colpi della crisi, solitamente caratterizzato dalla caduta delle esportazioni: proprio la piccola dimensione ha permesso loro una maggiore flessibilità e capacità di adattarsi ai nuovi scenari della domanda mondiale.

In pratica, le micro-imprese sono quelle che, pur avendo patito di più la crisi del 2008-2009, hanno poi saputo approfittare della ripresa di fine 2010 recuperando i livelli di Export pre-crisi.

=>Vai alle opportunità di Export per PMI del Made in Italy nei paesi emergenti

Tuttavia, se si decide di sperimentare i benefici dell’internazionalizzazione non si può improvvisare. Muoversi in contesti diversi da quelli di origine può infatti costituire una vera sfida imprenditoriale, che può essere supportata da professionisti che accompagnino l’investimento della PMI.

Internazionalizzazione come servizio

Tra i partner per le PMI votate ai mercati esteri c’è anche Companies Network International (CNI), Business Unit di IC Solutions Srl. Offre servizi di consulenza strategica, marketing internazionale e servizi sul territorio con la presenza fisica di operatori CNI.

Molti i mercati coperti: dai BRIC (Brasile, Russia, India, Cina) passando per i Paesi dell’Europa Centro-Orientale e Balcanica, e da quelli del Nord Africa sino alle regioni del Far East.

=>Leggi consigli, strategie e opportunità per l’internazionalizzazione delle PMI

Le fasi dell’internazionalizzazione

Per verificare la sostenibilità di un progetto di internazionalizzazione, si parte dallo studio di fattibilità confrontando gli obiettivi dell’imprenditore con l’analisi del mercato obiettivo (opportunità ma anche “sorprese”) . Per conoscere in dettaglio l’ambito di interesse si passa allo studio di settore e alla sviluppo di una pianificazione delle strategie.  A questo punto si passa all’azione:

  • ricercando partner e consulenti locali già legati al territorio obiettivo;
  • provvedendo alla domiciliazione commerciale;
  • prevedendo una formazione specifica;
  • partecipando a  fiere B2B.

E’ anche possibile studiare fin dall’inizio un progetto su misura ritagliato sule esigenze specifiche dell’azienda, che possono causare anche la progettazione di forme nuove di collaborazione, per rispondere a bisogni nuovi o estremamente particolari dei mercati. In questo senso appoggiarsi ad un partner è fondamentale.