Scegliere il giusto e-learning in azienda

di Chiara Basciano

scritto il

I quattro livelli di formazione a distanza e quale scegliere a seconda delle necessità aziendali.

07

Puntare alla formazione dei dipendenti è il modo migliore di farli crescere e sentire appagati. Permette di creare un legame tra azienda e lavoratore. Di particolare interesse è la versione online, più facile da gestire e in linea con un lavoro flessibile.

Esistono varie tipologie di e-learning, ogni azienda deve scegliere quella più adatta alle proprie esigenze e circostanze.

  1. L’e-learning senza interazioni è un semplice video o una serie di documenti in cui l’utente ha la sola possibilità di bloccare la riproduzione, (essenzialmente, legge o ascolta i contenuti). Si tratta di una formazione semplice, in cui la comunicazione non presuppone uno scambio, per questo è adatta a contenuti di livello base.
  2. Il secondo livello prevede un’interattività limitata, in cui il docente propone puzzle interattivi, animazioni o immagini cliccabili per verificare il livello di competenza e porre piccoli ostacoli che, se superati, permettono di andare avanti.
  3. Il terzo tipo fornisce un’interattività più complessa in cui i partecipanti si mettono in gioco attivamente, sono generalmente ricchi di elementi audio e video, visualizzazioni personalizzate, interazioni, giochi o quiz. Vengono utilizzati per una formazione di livello più alto, per imparare elementi più complessi.
  4. Infine, il quarto e ultimo livello propone un ambiente altamente simulato, di solito è costituito da squadre che devono collaborare e portare avanti un progetto. La gamification ne è un esempio, ma trattandosi di formazione online si avranno a disposizione grafica high-end, realtà virtuale e simulazioni 3D.

Ogni azienda deve prendere in considerazione le esigenze dei partecipanti, definire a priori gli obiettivi che si vogliono raggiungere e le competenze che si vogliono implementare per poter scegliere la formazione giusta.