Accordo Bei-Sace per progetti nei nuovi Paesi Ue

di Alfredo Polito

scritto il

Sace valuterà i progetti che beneficeranno dei fondi Bei e potrà garantire una parte dell'importo finanziato, per supportare le aziende in investimenti impegnativi

Intesa raggiunta tra Bei (la Banca Europea per gli Investimenti) e Sace (la società italiana di assicurazione dei crediti all’esportazione). Lo scopo dell’accordo è quello di finanziare, sino ad un massimo di 100 mln di euro, le imprese italiane di media capitalizzazione (società fino a 3.000 dipendenti) che sviluppano progetti sui mercati dei nuovi Paesi entrati nell’Ue.

I progetti saranno valutati da Sace, e Bei erogherà i fondi, garantendo anche una parte dell’importo finanziato. Questo per supportare le aziende italiane in investimenti all’estero che risultino particolarmente impegnativi dal punto di vista finanziario.

L’accordo si inserisce nel contesto dei rapporti istituzionali di Bei con le Autorità Italiane e va nella direzione degli obiettivi di convergenza fissati dall’Ue. Bei infatti ha già stretto accordi simili con B.P.Milano, Bpvn, C.R. Ferrara, C.R. Firenze e B.Marche.

La Banca europea per gli investimenti è attiva da tempo attraverso la distribuzione di prestiti destinati al finanziamento di progetti considerati d’interesse per l’Europa che devono andare a coprire soprattutto le aree svantaggiate. Inoltre, eroga contributi a sostegno delle imprese di piccole dimensioni.