Fondo HighTech: 160 mln di euro per le imprese del Sud

di Noemi Ricci

scritto il

Presentato ufficialmente il Fondo HighTech, teso a promuovere l'innovazione tra le Pmi del Mezzogiorno, dell'Abruzzo e del Molise con uno stanziamento di 160 mln di cui 80 provenienti dal Governo

Presentato ieri a Roma il Fondo HighTech, in sostegno delle Pmi di Mezzogiorno, Abruzzo e Molise per promuoverne l’innovazione, nell’ambito del Piano di e-Government 2012, obiettivo Imprese.

Illustrato dal Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione Renato Brunetta, il Fondo HT vede la partecipazione del CNR con la sua ricerca applicata, per il cofinanziamento di fondi mobiliari chiusi, affidati alle quattro SGR.

Alle 4 società di gestione risparmio selezionate – Quantica, Vegagest, Vertis e Fondo Atlante Ventures Mezzogiorno San Paolo Imi Fondi Chiusi – il compito di realizzare investimenti per lo sviluppo e la digitalizzazione delle imprese locali le risorse .

Già anticipato nelle sue finalità nelle scorse settimane, di altro non si tratta che del Fondo per il capitale di rischio per Piccole e Medie Imprese ha una disponibilità di circa 160 milioni di euro, di cui 80 mln provenienti dal Governo (roadmap e stato di avanzamento del Fondo).

Il Fondo pone particolare attenzione alle Start-up, ossia all’avvio di nuove attività di impresa finanziando anche le attività che lo precedono: studio, valutazione e sviluppo dell’idea imprenditoriale.

Grazie a questa iniziativa, le imprese del Sud e delle aree svantaggiate di Abruzzo e Molise potranno svilupparsi in chiave internazionale con uno stanziamento che è da intendersi a fondo d’investimento e non a fondo perduto.

Uno strumento in più in questo periodo di difficile congiuntura economica, quello messo a disposizione dal Fondo HT, che si prefigge di semplificare l’accesso al venture capital e si rivolge a tutte le imprese, non solo informatiche, che intraprendano progetti per l’innovazione di processo o prodotto mediante l’utilizzo della tecnologia digitale.

I Video di PMI

Come consultare i bandi regionali