Le imprese crescono nel Lazio

di Marianna Di Iorio

scritto il

Lo rivela l'indagine annuale di Unioncamere, che decreta il Lazio come la regione che ha registrato il più alto tasso di crescita di imprese

Nel 2006 il Lazio è stata la regione con il più alto tasso di crescita del numero di imprese.

Lo rivela Unioncamere, che ha reso noto i risultati dell’indagine annuale “Movimprese” sulla natalità e mortalità delle aziende, utilizzando i dati presenti negli archivi delle Camere di Commercio italiane.

In realtà, la crescita del numero delle imprese procede ad un ritmo più contenuto rispetto al 2005 con un incremento del +1,21% rispetto all’1,61% dell’anno precedente. In particolare, a livello territoriale è il Lazio la regione che presenta la crescita più elevata registrando un incremento del +2,4%, soprattutto grazie alle imprese presenti nella Capitale, seguito dalla Lombardia (con un +1,56%).

Il buon andamento delle costruzioni e dei servizi alle imprese, unite alla vivacità imprenditoriale degli extracomunitari ha reso possibile un bilancio, ad ogni modo, positivo. Per quanto riguarda il ruolo svolto dagli immigati, è ancora il Lazio la regione in cui si registra una spiccata voglia di intraprendere una nuova attività imprenditoriale. Se si considera, poi, il periodo che va dal 2001 al 2006, a Roma le imprese appartenenti agli extracomunitari hanno conosciuto un incremento del 146%, con una situazione attuale in cui un imprenditore su dieci è immigrato.

«La vitalità del sistema imprenditoriale italiano va assecondata e favorita, soprattutto in questa fase di profondo cambiamento della struttura imprenditoriale. Dobbiamo al coraggio di chi fa impresa se il nostro Pil è tornato a crescere a ritmi più vicini a quelli degli altri competitor europei», così ha commentato Andrea Mondello, presidente di Unioncamere.