DAG: l’economia digitale può rilanciare l’Italia

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

Il Digital Advisory Group rappresenta un gruppo di aziende alleate per contribuire allo sviluppo dell'economia digitale in Italia, un potenziale ancora inespresso per la crescita e l'occupazione.

Il DAG, acronimo di Digital Advisory Group, rappresenta un gruppo composto da oltre 30 organizzazioni, aziende private e pubbliche e università, alleate nell’intento di contribuire allo sviluppo dell’economia digitale in Italia allo scopo di rilanciare la crescita e creare occupazione.

Ma quale è il potenziale dell’economia digitale in Italia? Il DAG, con il supporto di McKinsey & Company, ha realizzato la ricerca “Sviluppare l’economia digitale in Italia: un percorso per la crescita e l’occupazione” (pdf), analizzando l’impatto di Internet su quattro assi: il contributo alla sviluppo in termini di PIL, la creazione di occupazione, lo sviluppo delle PMI e del loro export e il surplus di valore per i consumatori.

Attualmente l’economia Web costituisce solo il 2% del PIL e negli ultimi 15 anni Internet ha creato in Italia 320.000 nuovi posti di lavoro correlati al settore digitale; ciò significa che per ogni posto eliminato, ne crea 1,8 nuovi.

Dalla ricerca emerge pertanto l’esistenza di una forte correlazione tra le aziende che utilizzano Internet attivamente e la loro capacità di evolvere ed esportare: le imprese italiane che utilizzano bene il web crescono infatti di più, con una crescita media del 10%. e grazie al commercio elettronico ottengono maggiori esportazioni (+5,3%).

Prendendo come termine di paragone queste quattro direttrici, il potenziale dell’economia digitale in Italia appare ancora piuttosto elevato rispetto agli altri Paesi, ma per la crescita del PIL e la creazione di nuovi posti di lavoro servono adeguati contributi.

Nascono così 12 “idee” che costituiscono l’azione potenziale di DAG e che si prefiggono di agire per migliorare l’accesso alle infrastrutture, regolamentare l’innovazione digitale, stimolare la domanda dei consumatori, ampliare l’offerta digitale, incrementare l’adozione dei servizi di e-government ed accrescere la professionalità e competenze digitali.

In particolare, la proposta numero 8 intende sostenere l’attività di e-commerce delle Pmi. «La scarsa attitudine dimostrata dalle Pmi italiane a offrire prodotti o servizi Web-based potrebbe essere stimolata da una maggiore diffusione di soluzioni strutturali a sostegno delle attività di e-commerce».

Le PMI italiane dovrebbero ricorrere a un approccio professionale e specializzato all’e-commerce, che ne riduca le complessità di avvio e di gestione. &laquoLo sforzo dei soli operatori privati dovrebbe essere affiancato da un sostegno pubblico. Lo Stato potrebbe attuare una politica fiscale favorevole nei confronti delle aziende che investono nell’e-commerce» e potrebbero essere alleggeriti alcuni aspetti normativi, che rappresentano degli oneri particolarmente gravosi per le aziende attive su Internet».

I Video di PMI