Tratto dallo speciale:

Assunzione disoccupati: verifica dal consulente

di Barbara Weisz

scritto il

Dati ANPAL su lavoratori in stato di disoccupazione ai Consulenti del Lavoro: misura in Legge di Bilancio 2018, verifica requisiti per assunzioni agevolate.

Anche i consulenti del lavoro hanno accesso ai dati ANPAL relativi ai lavoratori in stato di disoccupazione per  verificare il possesso dei requisiti in caso di assunzioni agevolate: è una delle novità inserite nella Legge di Bilancio 2018. In pratica, vengono aperti i sistemi informativi pubblici con l’obiettivo di valorizzare le misure per il ricollocamento dei disoccupati.

=> Mercato del lavoro fra ripresa e debolezze

La novità è contenuta nei commi 801 e 803 della manovra, che prevedono la comunicazione dei dati in questione:

«ai soggetti iscritti all’albo informatico delle agenzie per il lavoro, di cui all‘articolo 4 del decreto legislativo 276/2003» e agli iscritti «all’albo nazionale dei soggetti accreditati ai servizi per il lavoro, di cui all’articolo 12 del dlgs 150/2015».

I dati vengono messi a disposizione attraverso il sistema informativo unitario delle Politiche del Lavoro, previsto dall’articolo 13 del citato decreto legislativo 150/2015 (il provvedimento sulle Politiche Attive attuativo del Jobs Act), che contiene:

  • i dati sui percettori di ammortizzatori sociali,
  • l’archivio delle comunicazioni obbligatorie,
  • le schede anagrafiche e professionali per la gestione delle Politiche attive,
  • il sistema informativo della formazione professionale.

In questo modo, Agenzie e Consulenti possono avere in modo immediato nuove informazioni sui lavoratori che cercano occupazione, favorendo l’incontro fra domanda e offerta di lavoro (uno dei punti deboli tradizionali del mercato italiano). I dati consentono anche di verificare in modo altrettanto veloce la sussistenza dei necessari requisiti a fronte di un’assunzione agevolata.

=> Assunzione agevolate, gli incentivi 2018

La Legge di Stabilità 2018, lo ricordiamo, proroga gli incentivi contributivi per l’assunzione di giovani under 30 (per il solo 2018, il beneficio si applica fino al compimento del 35esimo anno di età): sconto contributivo al 50% per tre anni, fino a un massimo di 3mila euro annui, per le assunzioni a tempo indeterminato di giovani che rientrano nei limiti di età sopra descritti. L’esonero contributivo è totale per le assunzioni nel Sud e per i contratti che seguono periodi di alternanza scuola lavoro (sistema duale).

I dati presenti negli archivi ANPAL consentono di verificare, ad esempio, il requisito in base al quale il giovane non può mai essere stato occupato a tempo indeterminato. Altro esempio: lo sgravio contributivo segue il lavoratore, per cui se il giovani cambia impresa, il nuovo datore di lavoro potrà utilizzare i mesi mancanti di agevolazione.

=> Assunzioni agevolate, lo sgravio segue il lavoratore

L’accesso alla banca dati del consulente del lavoro fornisce immediatamente questo dato (prima difficile da verificare in mancanza di documentazione adeguata da parte del lavoratore stesso).