Tratto dallo speciale:

Esodati 2010: arriva il decreto di salvaguardia 2015

di Barbara Weisz

scritto il

Firmato dal ministero del Lavoro il decreto per gli esodati 2010, ai quali di anno in anno viene finanziato il sostegno al reddito: circa 1500 lavoratori, eccoli.

Gli esodati 2010 riceveranno l’assegno di sostegno al reddito 2015, il relativo decreto è stato firmato dal ministero del Lavoro lo scorso 24 luglio ed è stato trasmesso al Ministero dell’Economia: tempi tecnici, insomma, ma l’assegno sta per arrivare. Lo ha confermato Maria Teresa Bellanova, sottosegretario al Welfare, nel corso di un’interrogazione in commissione Lavoro alla Camera. L’intervento riguarda 1490 lavoratori, i cosiddetti esodati di Sacconi (l’allora ministro del Lavoro), che hanno terminato la mobilità o altri ammortizzatori sociali prima del 30 aprile 2010, ma che per effetto delle finestre mobili previste dalla finanziaria 2010 si sono ritrovati senza stipendio e senza pensione.

=> Esodati: settima salvaguardia e pensione anticipata in Parlamento

E’ stato un primo caso esodati, che ha riguardato circa 10mila lavoratori (che via via stanno andando in pensione), per i quali è previsto un intervento di sostegno al reddito (Dl 78/2010) che però va finanziato, e approvato, di anno in anno. Eccoli (in base a quanto previsto dall’articolo 12, comma 5-bis del Dl 78/2010):

  • lavoratori collocati in mobilità ordinaria ai sensi degli articoli 4 e 24 della legge 23 luglio 1991, n. 223, e successive  modificazioni, sulla base di accordi sindacali stipulati prima del 30 aprile 2010 (cessati dal servizio entro la medesima data) e che maturano i requisiti per il pensionamento entro il periodo di fruizione della mobilità di cui all’articolo 7, commi 1 e 2, della legge 23 luglio 1991, n. 223;
  • lavoratori collocati in mobilità lunga ai sensi dell’articolo 7, commi 6 e 7, della legge 23 luglio 1991, n. 223, e successive modificazioni e integrazioni, per effetto di accordi collettivi stipulati entro il 30 aprile 2010;
  • lavoratori che al 31 Maggio 2010, sono titolari di prestazione straordinaria a carico dei fondi di solidarietà di settore di cui all’articolo 2, comma 28, della legge 23 dicembre 1996, n. 662.

Il diritto al reddito di questi esodati è garantito fino a quando non andranno in pensione. Il sottosegretario Bellanova ricorda che questo è il secondo decreto 2015 relativo agli esodati 2010, nello scorso mese di marzo era stato prolungato il sostengo al reddito per i destinatari del decreto 2014 in relazione alle mensilità residue 2015.

I Video di PMI

Pensioni: tutti i modi per ritirarsi nel 2020-21