Esonero INPS per assunzioni da imprese in crisi: istruzioni online

di Redazione PMI.it

scritto il

Esonero contributivo integrale l'assunzione di lavoratori provenienti da imprese in crisi: istruzioni INPS per applicare l'esenzione al 100%.

Sgravio contributivo del 100% sui versamenti INPS dovuti dal datore di lavoro, per 36 mesi e fino a 6mila euro l’anno, in relazione alle assunzioni con contratto di lavoro di tipo subordinato di personale proveniente da aziende in crisi con un tavolo aperto al Ministero.

Si tratta della misura prevista dalla Legge di Bilancio 2022 per assorbire gli esuberi di personale, licenziato nei sei mesi precedenti o impiegati in rami di azienda oggetto di trasferimento. Nello specifico:

  • lavoratore dipendente con contratto di lavoro subordinato dell’impresa che versa in una situazione di crisi aziendale;
  • lavoratore licenziato per riduzione di personale nei sei mesi precedenti dall’impresa che versa in una situazione di crisi aziendale;
  • lavoratore impiegato in rami di azienda oggetto di trasferimento da parte dell’impresa che versa in una situazione di crisi aziendale.

L’incentivo spetta per contratti di nuove assunzioni, trasformazioni a tempo indeterminato e trasferimenti, effettuati dal 1° gennaio al 31 dicembre 2022. L’esonero si applica anche in caso di di assunzione a scopo di somministrazione, anche resa a tempo determinato.

La soglia massima di esonero riferita al periodo di paga mensile è pari a 500 euro (€ 6.000/12), all’occorrenza riproporzionata prendendo a riferimento la misura di 16,12 euro (€ 500/31) per ogni giorno di fruizione dell’esonero.