CU INPS 2018, tutti i modi per ottenerla

di Barbara Weisz

scritto il

CU INPS 2018 disponibile online con PIN o credenziali SPID di secondo livello, tra le altre modalità per ottenerla: uffici, PEC, intermediari, sportello mobile, invio a casa.

Come tutti gli anni, l’INPS rilascia la certificazione unica ai contribuenti per i quali fa da sostituto d’imposta, come i pensionati: il documento viene rilasciato online, ma sono previste modalità alternative per coloro che non hanno strumenti o competenze per utilizzare la modalità telematica. La Certificazione Unica riguarda redditi di lavoro dipendente e assimilati, pensioni, redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi. Vediamo tutte le modalità previste dall’INPS per ottenerla, dettagliate nella circolare 67/2018.

CU INPS 2018 online

Bisogna avere il PIN INPS, anche ordinario, oppure le credenziali SPID (almeno di secondo livello). La Certificazione Unica online è raggiungibile sul sito Web attraverso il percorso: “Prestazioni e servizi” > “Tutti i servizi” > “Certificazione unica 2018 (Cittadino)

Oppure attraverso la app istituzionale “INPS servizi mobile“, scaricabile dagli store Android e Apple.

Agli utenti che hanno comunicato all’istituto un indirizzo mail viene recapitato un avviso sulla disponibilità della CU 2018.

Modalità alternative

E’ possibile ottenere il documento presentandosi fisicamente in un ufficio INPS (c’è sempre almeno uno sportello dedicato al rilascio della Certificazione Unica 2018): può essere rilasciata soltanto all’intestatario, previa identificazione, o a un soggetto munito di delega. Negli uffici INPS sono presenti anche postazioni informatiche self service, che i contribuenti in possesso di credenziali possono utilizzare per stampare il documento, eventualmente richiedendo assistenza da parte del personale. Nei Comuni e nelle amministrazioni che hanno sottoscritto apposite convenzioni si può ritirare il documento anche presso appositi sportelli.

I contribuenti possono anche chiedere di ricevere la Certificazione Unica via posta elettronica certificata (PEC), inviando la domanda all’indirizzo: richiestacertificazioneunica@postacert.inps.gov.it, unitamente alla copia del documento di identità.

Per quanto riguarda gli intermediari (Caf, patronati, professionisti dell’assistenza fiscali), bisogna rilasciare specifica delega, che va numerata e annotata giornalmente in un apposito registro cronologico contenente numero progressivo, data, codice fiscale, dati anagrafici ed estremi del documento di identità del delegante. Per gli intermediari c’è una specifica procedura.

C’è infine lo “Sportello Mobile“, dedicato a particolari categorie di utenti, che ricevono un’apposita comunicazione di inserimento in questa iniziativa, e possono poi contattare telefonicamente l’INPS chiedendo l’invio a casa della Certificazione Unica. In generale, comunque, è sempre possibile chiedere l’invio a casa del documento attraverso il contact center: 800 434320 (con risponditore automatico), oppure 803 164, abilitati solo alle chiamate da rete fissa, numero a pagamento 06 164164, anche da mobile con costi variabili in base al piano tariffario applicato dal gestore telefonico del chiamante.

I pensionati residenti all’estero possono richiedere la certificazione, fornendo i propri dati anagrafici e il numero di codice fiscale, ai seguenti numeri telefonici dedicati: 0039-06.59058000 – 0039-06.59053132, con orario 8–19 (ora italiana).