Credito d’imposta assunzioni: domande a gennaio

di LavoroImpresa

scritto il

Conto alla rovescia per la domanda di credito d’imposta per il personale altamente qualificato (agevolazioni di cui all’articolo 24, decreto legge 22 giugno 2012, n. 83).  Alle imprese che – indipendentemente da forma giuridica, dimensioni aziendali, settore economico e regime contabile – hanno sostenuto nel 2014 costi per l’assunzione a tempo indeterminato di personale altamente qualificato è concesso un credito d’imposta del 35%, con un limite massimo pari a 200mila euro.

=> Credito di imposta: gli usi possibili

La domanda deve essere presentata in modalità telematica, tramite il portale CIPAQ del Ministero dello Sviluppo Economico. L’accesso alla piattaforma è subordinato all’inserimento delle credenziali inviate alla PEC dell’impresa. La domanda può essere presentata a partire dal 10 gennaio 2016 e riguarderà le assunzioni di personale avvenute nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2014 e il 31 dicembre 2014.

Il portale CIPAQ è suddiviso in tre sezioni:

  • Impresa: possono accedere le imprese per richiedere il credito d’imposta nell’importo massimo di 200mila euro e, comunque, fino all’esaurimento delle risorse disponibili;
  • Start-up: sezione dedicata a start-up innovative e incubatori certificati ai sensi dell’articolo 25 della Legge 7 agosto 2012 e successive modificazioni;
  • Sisma Emilia Romagna: sezione dedicata alle imprese ubicate nei comuni coinvolti nel sisma del 20 e del 29 maggio 2012.

Revoca del credito d’imposta

Si decade dal riconoscimento del credito d’imposta quando viene a mancare il rapporto di lavoro dipendente a tempo indeterminato per il quale si fruisce del contributo. Nello specifico il rapporto di lavoro deve essere mantenuto per almeno due anni per le piccole e medie imprese e almeno tre anni per le grandi imprese.

I Video di PMI