Più collaborazione in azienda con il Social BPM

di Carlo Lavalle

scritto il

Il Social BPM (Business Process Management) viene definito come lo “sforzo di eseguire processi di business in collaborazione tramite social networking”.

=> Approfondisci il Process Management per la gestione aziendale

Questo approccio innovativo intende far leva sulla combinazione di tecnologie tipiche del Web 2.0, come Facebook o LinkedIn, e piattaforme di gestione aziendale supportate da software di Business Process Management.

Il tentativo è quello di integrare nei processi di organizzazione aziendale, fortemente strutturati e rigidi, aspetti caratteristici della collaborazione sociale per migliorare efficienza e flessibilità  dell’attività  d’impresa.

=> Leggi i Processi di business 2012: cloud, sicurezza e web app

Il Social Business Process Management mira ad una trasformazione dei processi aziendali tradizionali per realizzare modelli basati sulla partecipazione, condivisione e interazione tra dipendenti, collaboratori e soggetti esterni all’organizzazione (clienti, fornitori, partner, azionisti e così via).

Più concretamente, Social BPM significa anche creazione di interfaccia per gestire ed eseguire in maniera più efficace compiti e processi aziendali.

=> Leggi i benefici dell’impresa sociale

Il progetto BPM4People per esempio, coordinato da WebRatio e finanziato dalla Commissione Europea, cerca di attuare una nuova idea della gestione aziendale, applicata soprattutto alle PMI, cambiando il paradigma del Business Process Management da chiuso ad aperto e social.
Portando l’esperienza della socializzazione praticata dagli utenti online tramite i social media alla dimensione aziendale, prevede la creazione di strumenti software e metodologie semplici e a basso costo per aiutare le attività  B2B a diventare più flessibili ed efficienti.

Allo schema tradizionale di gestione di un’azienda si sostituisce una visione in cui il design resta aperta a molteplici attori, le tecnologie sociali sono integrate nei processi esecutivi, le procedure decisionali sono rese più trasparenti, la conoscenza è condivisa mentre si implementa una distribuzione dinamica delle responsabilità  e delle decisioni che non sono attuate da soggetti determinati a priori.

L’obiettivo è un’impresa meno centralizzata, più dinamica, collaborativa e coinvolgente capace di rispondere meglio ai bisogni del mercato e dei vari stakeholders.

Per i dettagli visita il sito del progetto BPM4People