Emilia-Romagna: dai distretti produttivi ai distretti tecnologici

di Roberto Grementieri

scritto il

Il nuovo bando pubblicato dalla Regione Emilia-Romagna dà  attuazione alla proposta di intervento a sostegno dello sviluppo dei distretti produttivi sottoposta al Ministero per lo Sviluppo Economico e formalmente approvata dal Ministero il 31 luglio 2008.

La proposta della Regione è stata titolata “Dai distretti produttivi ai distretti tecnologici“, intendendo in questo modo evidenziare gli obiettivi della strategia regionale, volta a rafforzare la componente di economia della conoscenza che si può sviluppare a partire dalle reti produttive e dalle imprese di successo che si sono consolidate nel tempo nel territorio regionale; reti e imprese che definiscono le filiere e i distretti produttivi e che possono ancora di più evolversi verso una competitività  basata sull'innovazione continua di prodotto, di processo e di organizzazione grazie al rapporto con il sistema della ricerca.

I progetti dovranno prevedere sia un programma di attività  di ricerca industriale e sperimentale volto allo sviluppo di tecnologie abilitanti destinate alla filiera produttiva di riferimento, sia un programma di diffusione, tirocini formativi e promozione di filiera.

Possono presentare domanda imprese singole o raggruppamenti di imprese, in collaborazione con i laboratori della Rete dell’Alta Tecnologia e con altre università  e centri di ricerca.

Il contributo regionale sarà  al massimo del 50% per le attività  di ricerca industriale, del 25% per lo sviluppo sperimentale e fino al 100% per il programma di diffusione.
Il contributo massimo non potrà  superare il milione di euro per progetto.

La scadenza per la presentazione delle domande è il 1 febbraio 2010. Ai seguenti link potrete scaricare:
1) delibera di approvazione e bando;
2) modulo domanda di ammissione;
3) programma di attività ;
4) fac-simile dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà ;
5) modello calcolo contributo.

I Video di PMI

Quota 100: regole, pro e contro