Nuove imprese e agevolazioni fiscali nelle zone franche urbane

di Marco Mattioli

scritto il

La Finanziaria 2008 contiene una novità  di rilievo riguardante il concetto di fiscalità  di vantaggio per le Pmi. Si tratta di un insieme di esenzioni associato a certe aree geografiche, selezionate tenendo conto di determinati indicatori di crisi individuati in sede ministeriale.

Di fatto, si definiscono le zone franche urbane (zfu) fino a 30.000 abitanti, al fine di “contrastare fenomeni di esclusione sociale negli spazi urbani e favorire l’integrazione sociale e culturale delle popolazioni abitanti in circoscrizioni o quartieri delle città  caratterizzati da degrado urbano e sociale”, con una particolare attenzione per le aree il Sud d’Italia.

Le aziende che avviano una nuova attività  economica nelle zfu tra il 1° gennaio 2008 e il 31 dicembre 2012 hanno così la possibilità  di fruire delle seguenti agevolazioni:

  1. esenzione dalle imposte sui redditi per i primi cinque periodi di imposta. Per i periodi di imposta successivi, l’esenzione è limitata, per i primi cinque al 60%, per il sesto e settimo al 40% e per l’ottavo e nono al 20%. L’esenzione spetta fino a concorrenza dell’importo di euro 100.000 del reddito derivante dall’attività  svolta nella zfu;
  2. esenzione dall’imposta regionale sulle attività  produttive, per i primi cinque periodi di imposta, fino a concorrenza di euro 300.000, per ciascun periodo di imposta, del valore della produzione netta;
  3. esenzione dall’imposta comunale sugli immobili, a decorrere dall’anno 2008 e fino all’anno 2012, per i soli immobili siti nelle zfu dalle stesse imprese posseduti ed utilizzati per l’esercizio delle nuove attività  economiche;
  4. esonero dal versamento dei contributi sulle retribuzioni da lavoro dipendente, per i primi cinque anni di attività , nei limiti di un massimale di retribuzione definito con decreto del Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale, solo in caso di contratti a tempo indeterminato, o a tempo determinato di durata non inferiore a 12 mesi, e a condizione che almeno il 30% degli occupati risieda nel sistema locale di lavoro in cui ricade la zona franca urbana. Per gli anni successivi l’esonero è limitato per i primi cinque al 60%, per il sesto e settimo al 40% e per l’ottavo e nono al 20%.

A tale proposito è stato istituito dal Ministero dello Sviluppo Economico un fondo costituito da 50 milioni di euro per gli anni 2008 e 2009. Anche le imprese già  avviate in una zona franca urbana prima del 1° gennaio 2008, possono usufruire di tali agevolazioni.