Tratto dallo speciale:

Ecobonus auto: prenotazioni aperte

di Redazione PMI.it

scritto il

Eco-incentivi auto 2019: riaperta la possibilità, fino al 20 novembre 2019, di richiedere gli incentivi previsti dalla Legge di Bilancio 2019.

Riapre fino al 20 novembre 2019 la piattaforma per richiedere gli incentivi previsti dal cosiddetto Ecobonus auto per i veicoli M1, a fronte della comunicazione del MiSE che per l’anno 2019 risultano nel fondo delle somme residue pari a 39.870.000 euro. Dunque c’è ancora tempo per usufruire del contributo per l’acquisto o la locazione finanziaria di un veicolo a basse emissioni di CO2 previsto dalla Legge di Bilancio 2019 (legge n. 145/2018).

=> Auto elettrica: ricarica colonnina con fattura

Il sito del Ministero dello Sviluppo Economico (https://ecobonus.mise.gov.it), per l’applicazione del contributo statale consente ai concessionari di prenotare per gli acquirenti lo sconto sull’acquisto, anche in leasing di veicoli destinati al trasporto di persone, aventi almeno quattro ruote e al massimo otto posti a sedere oltre al sedile del conducente (categoria M1).

Ammontare degli eco-incentivi

Gli incentivi per l’acquisto di auto e motoveicoli non inquinanti sono previsti dai commi 1031 e seguenti della manovra 2019 (legge 145/2018) che prevedono un contributo in rapporto alle emissioni di Co2 e all’eventuale rottamazione di un’auto vecchia. L’incentivo può andare da 1500 a 6mila euro.

Per l’acquisto di un veicolo agevolabile di categoria M1, con contestuale rottamazione un veicolo della medesima categoria omologato alle classi Euro 1, 2, 3 e 4, viene riconosciuto un contributo pari a:

  •  6.000 euro per emissioni di CO2 non superiori a 20 g/km;
  • 2.500 euro, per emissioni di CO2 superiori a 20 g/km e non superiori a 70 g/km.

Senza rottamazione l’incentivo è pari, rispettivamente a 4.000 e 1.500 euro.

I Video di PMI

Incentivi auto ed ecotassa 2019-2021