Sisma Emilia: accordo raggiunto sui fondi UE

di Teresa Barone

scritto il

Saranno sbloccati i fondi UE a favore dell’Emilia terremotata: raggiunto l’accordo nonostante le resistenze di Germania, Olanda, Finlandia, Svezia e Gran Bretagna.

Saranno sbloccati i fondi UE a favore dell’Emilia Romagna danneggiata dal terremoto: raggiunto l’accordo nonostante le resistenze di Germania, Olanda, Finlandia, Svezia e Gran Bretagna.

La Commissione Europea sbloccherà i fondi destinati a sostenere le popolazioni colpite dal sisma in Emilia: il fondo di solidarietà di 670 milioni di euro ci sarà, grazie all’intesa con Parlamento e Consiglio europeo formalizzata a breve.

I contributi del fondo di solidarietà europeo all’Italia servono ad alimentare le iniziative a sostegno di famiglie, imprese ed enti danneggiati dal sisma, come i 195 mln alle imprese stanziati grazie al patto di stabilità o la sospensione dei tributi fino al 2013:

I 670 milioni per l’Emilia Romagna terremotata saranno quindi stanziati nonostante le resistenze di cinque stati dell’Unione Europea che hanno espresso parere contrario.

Germania, Olanda, Finlandia, Svezia e Gran Bretagna avevano inizialmente votato contro il riconoscimento del diritto ai finanziamenti del Fondo di solidarietà UE a favore dell’Italia, e contro le richieste di rettifica del bilancio 2012 con l’aggiunta di 9 miliardi di euro.

Scarica il modello di domanda per i contributi del sisma in Emilia

Fondo di solidarietà

In virtù dell’intesa con Parlamento e Consiglio europeo, gli aiuti per imprese e famiglie che hanno subito danni a causa del terremoto non saranno per fortuna bloccati.

=> Leggi tutte le news per le PMI dell’Emilia Romagna

Il commissario UE al Bilancio Jenusz Lewandowski ha commentato l’intesa sottolineando l’urgenza di trovare nuove risorse per  coprire il rosso del bilancio 2012 che tocca sia i fondi Erasmus e sia i fondi strutturali per l’Italia.

«Abbiamo fatto quanto necessario per rispondere all’obbligo morale che abbiamo nei confronti dell’Italia e di chi ha subito i danni del terremoto».