Bonus Alberghi 80%: estesi i contributi a fondo perduto

di Redazione PMI.it

scritto il

La legge di conversione del Sostegni-ter estende il Superbonus Alberghi all'80% nel turismo alle installazioni di unità abitative mobili.

La conversione in legge del Decreto Sostegni-ter introduce nuove misure destinate agli operatori economici, al fine di contenere gli aumenti della spesa energetica e sostenere la ripresa successiva all’emergenza Covid. Il nuovo testo estende il perimetro di applicazione degli incentivi a favore degli operatori del settore turistico, ricreativo, fieristico e congressuale, concedendo a nuovi beneficiari il credito d’imposta all’80% e il contributo in conto capitale fino a 40mila euro (tetto innalzabile a 100mila euro).

Il nuovo articolo 4bis, ad esempio, estende i contributi a fondo perduto ed il credito d’imposta per le imprese turistiche introdotti dal DL 152/2021 (il Decreto PNRR).

Sono destinatarie delle agevolazioni le attività che tra il 7 novembre e il 31 dicembre 2024 effettuano interventi finalizzati all’efficienza energetica, alla riqualificazione antisismica, all’eliminazione delle barriere architettoniche, alla realizzazione di piscine termali e alla digitalizzazione d’impresa.

=> Nuovo Bonus IMU per imprese del Turismo

A questi interventi si aggiungono adesso le installazioni di unità abitative mobili, anche dotate di meccanismi di rotazione, collocate nelle strutture ricettive all’aperto per la sosta e il soggiorno dei turisti (quindi roulotte, camper, case mobili, imbarcazioni), purché precedentemente autorizzate sotto il profilo urbanistico, edilizio e paesaggistico.. Ammesse anche le loro pertinenze e accessori, collocate, anche in via continuativa, in strutture ricettive all’aperto per la sosta e il soggiorno turistico.