Bonus Edilizi in Manovra: dal 2022 si riducono le detrazioni

di Redazione PMI.it

scritto il

Bonus Facciate nel 2022 ma ridotto al 70%, così come il Superbonus dal 2024, che torna Ecobonus al 65% dal 2025: le anticipazioni in Legge di Bilancio.

In base alle anticipazioni sulla Legge di Bilancio 2022, nella bozza della Manovra è previsto una graduale riduzione delle aliquote per i vari bonus in edilizia, che per il prossimo anno saranno mantenuti (più o meno) intatti mentre dal 2023 e 2024 dovrebbe scattare un graduale taglio alla percentuale di detrazione spettante.

Proroghe e dacalage

Lo schema dovrebbe essere il seguente:

  • Superbonus al 110% fino al 2023 (escluse le ville), ridotto al 70% nel 2024 per ritornare come Ecobonus ordinario al 65% dal 2025.
  • Per il Bonus Facciate l’addio potrebbe essere rimandato al 31 dicembre 2022, confermando la proroga per un anno ancora, ma non detrazione ridotta al 70%.

=> Bonus Facciate a rischio: corsa alla detrazione 90%

Cessione credito e sconto in fattura

Ancora da valutare la proroga delle opzione alternative alla detrazione IRPEF o alla compensazione in F24 del credito d’imposta, ossia la cessione dei crediti e lo sconto in fattura. In base alle anticipazioni, questa opportunità sarà mantenuta soltanto per il Superbonus 110%. Per poterlo fare anche con il Bonus Facciate, serve che i pagamenti siano effettuati entro il 31 dicembre 2021: in questo modo sarà possibile non solo accedere alla detrazione fiscale ma anche scegliere lo sconto in fattura. In particolare: pagando entro fine 2021 il 10% del corrispettivo al netto dello sconto in fattura, è possibile ottenere il bonus anche se i lavori saranno completati successivamente.

Conferme e novità

Per quanto le novità, invece, sembra confermato anche il nuovo Bonus Alberghi, ossia l’estensione del Superbonus alle strutture ricettive (alberghi, agriturismi, strutture ricettive all’aria aperta, imprese turistiche e ricreative, del settore fieristico e congressuale, stabilimenti balneari, centri termali, i porti turistici, parchi tematici).

Per quanto riguarda invece gli altri bonus casa, sembrano tutti confermate le agevolazioni più diffuse: quelli per lavori di ristrutturazione al 50%, il Bonus Mobili al 50% (per acquisto di arredi e grandi elettrodomestici ad elevate prestazioni per un immobile oggetto di ristrutturazione agevolata, da capire ancora su quale tetto di spesa), Sismabonus ad aliquota variabile a seconda dei casi e Bonus Verde al 36%.

Confermato anche il il bonus prima casa under 36 con ISEE fino a 40mila euro (prevede l’esenzione dall’imposta di registro, ipotecaria e catastale, ed un credito d’imposta in caso di acquisto soggetto a IVA) nell’acquisto di una abitazione.

Attenzione: quanto sarà previsto dal disegno di legge della Manovra non è comunque definitivo, dal momento che il Ddl di bilancio dovrà essere convertito in legge attraverso il consueto iter parlamentare di approvazione in Camera e Senato.