Cedolare Secca

L'opzione cedolare secca, nei contratti di locazione, implica un regime facoltativo per il quale il proprietario di un immobile ad uso abitativo paga un'imposta sostitutiva di IRPEF e addizionali. Tale imposta forfettaria si calcola applicando: un'aliquota del 21% sul canone di locazione lordo annuo, se il contratto è a canone libero; un'aliquota del 10% se si applica un canone concordato.

I contratti di locazione gestiti con cedolare secca sono esentati anche dal pagamento dell'imposta di registro e da quella di bollo dovute per registrazione, risoluzione o proroghe dei contratti stessi, mentre non rimane l'obbligo di imposta di registro per l’eventuale cessione.

A fronte di queste agevolazioni, scegliere la cedolare secca significa rinunciare a chiedere, per l'intera durata dell'opzione, l'aggiornamento del canone di locazione, anche se contrattualmente previsto, ivi compresa la variazione accertata dall'ISTAT.

Chi può optare per la cedolare secca

Tale regime facoltativo può essere scelto solo dalle persone fisiche in grado di esercitare il diritto di proprietà o il diritto reale di godimento (es: usufrutto) e che non lochino l’immobile per esercizio di attività di impresa, arti o professioni.

A quali immobili è applicabile

Per quanto sopra detto, la cedolare secca è applicabile a tutti gli immobili di categoria catastale che va da A1 ad A11, esclusa la A10 che si riferisce a studi o uffici privati. Dette unità immobiliare devono quindi essere locate a esclusivo uso abitativo.

Tutte le novità 2016 sulla cedolare secca negli affitti: cosa è, come funziona, come e quanto si paga, come si calcola.

Tassa Airbnb da giugno: le nuove regole

Airbnb La manovra correttiva della Legge di Stabilità 2017 (articolo 4 del DL 50/2017) ha introdotto novità anche in tema di tassazione per gli affitti brevi derivanti da chi offre per un limitato periodo una casa, un appartamento, o una stanza in locazione – come tipicamente avviene sul noto sito Airbnb - che verranno obbligati al versamento della cedolare secca con aliquota al 21%, come previsto dall’articolo 3 del Decreto Legislativo 23/2011.ù => Affitti brevi, tassa Airbnb al 21% Tassa Airbnb dal 1° giugno La cosiddetta tassa Airbnb – che però riguarda per tutti gli...

Locazioni a canone concordato: contratto e tassazione

Affitto Tra tante imposte sulla casa che aumentano ce n’è una che diminuisce. Stiamo parlando della cedolare secca sulle locazioni, ossia la tassa piatta per gli affitti oggi ancora più light (al 10% per il quadriennio 2014-2017 e dal 2018 al 15%) ma non per tutti: requisito fondamentale per questa opzione (prevista dal d.l. 47/2014), infatti, è la presenza di un contratto a canone concordato. => Cedolare secca: la tassazione agevolata sugli affitti Contratti a canone concordato Il presupposto per versare l’aliquota al 10% è la stipula di un contratto di locazione con le...

Affitti brevi, tassa Airbnb al 21%

Airbnb Il fenomeno Airbnb aveva raggiunto dimensioni troppo ampie perché potesse sfuggire all'attenzione del Fisco. Con l'arrivo della cosiddetta manovrina, la manovra correttiva della Legge di Stabilità 2017, arrivano anche novità in tema di tassazione per gli affitti brevi derivanti da chi offre per un breve periodo una casa, un appartamento, o una stanza in locazione che verranno obbligati al versamento della cedolare secca. => DEF e manovra bis: misure per PMI e lavoro Nuovi controlli e procedure Anche se per i contratti di locazione di durata inferiore ai 30 giorni non è...

Cedolare secca al 10% nei contratti transitori

Locazioni cedolare secca Con la circolare 8/E/2017 l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti interpretativi relativi ai quesiti posti in occasione di Telefisco 2017 sulle principali novità introdotte dall’ultima Legge di Stabilità e dal Decreto fiscale. In tema di cedolare secca l'Agenzia conferma: la possibilità di applicare l'aliquota ridotta del 10% (per gli anni 2014-17 poi salirà al 15%) anche ai contratti di locazione transitori di cui alla legge n. 431/1998, ovvero di durata compresa tra un minimo di 1 mese e un massimo di 18 mesi; viene chiarito che la mancata presentazione della...

Cedolare secca: novità dal Fisco

Affitto Immobili L'opzione della cedolare secca sugli affitti con aliquota ridotta può essere esercitata anche con riferimento ai contratti di locazione transitori di cui alla legge n. 431 del 1998, se stipulati nei Comuni nei quali i canoni sono definiti dalle parti all’interno di fasce di oscillazione fissate negli Accordi territoriali (aree metropolitane di Roma, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Napoli, Torino, Bari, Palermo, Catania; Comuni confinanti con tali aree; altri Comuni capoluogo di provincia). Lo ha chiarito l'Agenzia delle Entrate in risposta ad un quesito posto in occasione di...

Cedolare secca nei Comuni minori

Ho acquistato a marzo 2016 un appartamento, nel mese di maggio ho stipulato un contratto di affitto agevolato (3+2) e, seguendo le indicazioni di un accordo territoriale, ho applicato un canone concordato; quindi ho provveduto a registrare il contratto presso l'Agenzia delle Entrate. Ero convinto che avrei dovuto applicare l'aliquota del 10% , purtroppo all'atto della registrazione l'impiegato mi comunica che per poter usufruire di tale aliquota l'immobile deve ricadere in uno dei Comuni ad alta densità abitativa e non è il caso del mio. Non è dunque sufficiente un contratto agevolato con...

Contratti di affitto e spese di condominio

Intendo affittare un appartamento a canone concordato (3 + 2) con cedolare secca. Vorrei che l’inquilino pagasse mensilmente con unico bonifico sia il canone sia la quota di spese condominiali calcolata sulla base del consuntivo dell’anno precedente (o preventivo di quello in corso). Io pagherei poi direttamente all’amministratore l’importo di pertinenza mia e quello dell’inquilino. Se nel contratto indico questa soluzione, d’intesa con l’inquilino, inserendo la clausola del “salvo conguaglio” a fine anno (o gestione condominiale) posso stare tranquillo? In pratica, posso...

Affitti: ravvedimento con calcolo online

Controlli-Fiscali In arrivo 60mila nuove lettere da parte dell'Agenzia delle Entrate a tutti quelli che, in base ai dati in possesso dell’Amministrazione finanziaria, nei modelli UNICO PF 2013 o 730/2013, risultano avere anomalie nei redditi da fabbricati relativamente all'anno di imposta 2012. In merito l'Agenzia comunica di aver aggiornato l'applicativo per calcolare gli importi da ravvedimento sulla cedolare secca e di aver pubblicato una guida che spiega nel dettaglio come rimediare agli errori. => Vecchie dichiarazioni dei redditi: i controlli Anomalie In generale, le lettere del Fisco...

Canone di affitto per locazione con cedolare secca

​Sono un privato che vorrebbe comprare un'appartamento ​di 45 mq ​​nel comune di ​L​aives​ ​(​BZ)​,​ ​​da dare in affitto con cedolare secca: quanto posso chiedere come ​canone di locazione per poter rientrare nei requisiti richiesti per l'applicazione ​della cedolare?

Cedolare secca? Serve la dichiarazione dei redditi

Ho affittato un appartamento con contratto 3+2 a canone concordato, optando per la cedolare secca. L'affitto decorre dal 1 novembre 2015. Poiché non presento nessuna denuncia dei redditi, come faccio a pagare tale imposta sostitutiva? A quanto ammonta il dovuto? Entro quale data devo versarla?

X
Se vuoi aggiornamenti su Cedolare Secca

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy