Windows 7 e Office: migrazione nelle Pmi

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

Le aziende che vogliono restare al passo con i tempi possono acquistare Windows 7, Office 2007, Office Visio e Project 2007 usufruendo di alcune promozioni, in grado di garantire un certo risparmio

Secondo Microsoft, Windows 7, Office 2007 e Windows Server 2008 R2 costituiscono il tris di pacchetti in grado di rendere la aziende più produttive. E per incentivare la migrazione aziendale al nuovo S.O da oggi in commercio, parte la promozione ad hoc valevole anche per Office 2007, Office Visio e Project 2007.

L’acquisto in modalità Multilicenza di Office Small Business 2007 (fino a 250 licenze) permette di ottenere uno sconto fino al 30% sul prezzo di listino, fino al 20% nel caso di Office Professional Plus 2007 e fino al 22% se si tratta di Office Standard 2007. La promozione scade il 31 dicembre 2009.

Dal primo settembre al 28 febbraio 2010, la licenza Upgrade di Windows 7 Professional, comprensiva o meno di copertura Software Assurance (SA) e acquistata attraverso i programmi Multilicenza Open License, Open Value, Select e Select Plus, gode di uno sconto fino al 35%.

Fino al 31 dicembre 2009, Office Visio 2007 e Office Project 2007 possono essere acquistati in modalità Open con il 20% di sconto.

Windows 7 promette alle Pmi di ridurre costi, risparmiare tempo ed essere più efficienti e perciò competitive. Di contro, i requisiti hardware di Seven, più contenuti rispetto a Vista, permetterebbero inoltre di risparmiare sull’acquisto di nuovi computer più performanti.: lo confermerebbe la ricerca Softchoice secondo cui l’88% dei Pc aziendali risponderebbe già alle richieste minime (il 65% per risultati ottimali).

Da non dimenticare inoltre la questione del supporto a Windows XP che, seppure garantito fino ad aprile 2014, potrebbe concludersi prima del previsto.

Per le aziende che effettuano la migrazione da XP, inoltre, l’XP Mode permetterà un passaggio ancora più indolore attraverso un ambiente di virtualizzazione.

I Video di PMI

Video su Facebook: impariamo dai più bravi