Pc aziendali a rischio: Facebook colpito dal virus Koobface

di Noemi Ricci

scritto il

A rischio i computer aziendali delle imprese i cui dipendenti utilizzano abitualmente il social network Facebook, che sarebbe attualmente sotto il tiro del pericoloso virus Koobface, capace di carpire i dati sensibili dei pc

Sempre più diffuso anche in ambito aziendale soprattutto tra le Pmi Facebook, il social network più famoso del momento sembra aver attirato anche l’attenzione degli hacker.

Sarebbero 120 mlioni gli utenti a rischio di attacco del nuovo virus Koobface, capace di carpire i dati sensibili presenti nel pc dell’utente Facebook.

Considerando l’attuale tendenza dei dipendenti aziendali di connettersi al network durante le ore lavorative, è evidente il pericolo indiretto che corrono a loro volta le imprese e le loro preziose informazioni aziendali.

Come funziona Koobface: l’utente riceve una email dal un amico (inconsapevole) di Facebook, quindi una persona che si ritiene fidata, che lo invita a collegarsi al sito di YouTube per vedere un video divertente. Poi viene richiesto di scaricare un aggiornamento del programma Flash Player di Adobe per poter far partire il video, mediante il quale il virus ha via il libera per introfularsi nel computer e accedere ai dati ivi contenuti.

Qualcosa di simile era già successa all’altrettanto celebre MySpace. Massima attenzione quindi ad eventuali fasi messaggi o video di vecchi e cari amici che celano invece pericolosi malware.

Dai gestori di Facebook arrivano utili consigli su come difendersi da attacchi come quello di Koobface. Consigliamo a tutte le aziende di farli leggere attentamente ai propri dipendenti.