Symantec: Pmi italiane a rischio sicurezza IT, tra wireless, VoIP e mobilità

di Redazione PMI.it

scritto il

L'ultimo report Symantec sulle politiche di sicurezza in azienda evidenzia le carenze culturali delle Pmi italiane nei confronti delle "nuove minacce", trascurando whaling, minnowing, rootkit e pharming

In linea con la media europea, le Pmi italiane lamentano carenze in termini di sicurezza IT in azienda, a scapito del proprio business (22%) oltre che delle finanze (10%). Lo conferma la nuova ricerca europea realizzata da Symantec sulle policy di sicurezza IT adottate dalle piccole aziende.

I sistemi e le reti più a rischio? Reti wireless (67%), VoIP (43%) e telefonia mobile (28%).

Le nostre aziende sono consapevoli del valore strategico di una gestione dell’infrastruttura “senza falle” in azienda: il 29% delle Pmi italiane annovera un IT manager nel proprio organico.

Peccato che ancora manchi la cultura dei nuovi pericoli: assodata l’allerta per virus (99%), spam (93%) e Trojan (88%), nelle nostre aziende ci si dimentica di botnet (57%) e si trascurano tecniche di whaling (60%), minnowing (62%), rootkit (50%) e pharming (45%).

Non solo: le policy di sicurezza rimangono circoscritte senza coinvolgere tutti i dipendenti (42%) restando molto indietro rispetto al dato europeo(19%).
Addirittura, il 33% delle aziende coinvolte nello studio hanno ammesso la completa assenza di politiche IT.

Di chi è la colpa? Secondo l’indagine permane una certa confusione dei ruoli in azienda: per il 29% degli intervistati la sicurezza dovrebbe essere una responsabilità condivisa e per il 42% esclusivo compito del responsabile IT, mentre per il 29% dell’amministratore delegato.

In termini di soluzioni adottate, il 35% delle Pmi si affida a società IT specializzate, il 48% adotta pacchetti da catene retail e il 9% sceglie software gratuiti generici.

La frequenza degli aggiornamenti? Italia promossa con la sufficienza, con il 55% delle aziende che procede a controlli IT a cadenza giornaliera..

«Blocco dei sistemi e perdita di informazioni sono tra le maggiori minacce al brand di un’azienda, alla fedeltà dei clienti e alla generazione di fatturato», ha dichiarato John Brigden, Senior Vice President, Emea di Symantec.
«Soluzioni antivirus e firewall sono essenziali ma, da soli, non sono sufficienti a proteggere in modo adeguato un’impresa».

I Video di PMI