Rfid: premiati i migliori progetti italiani

di Noemi Ricci

scritto il

Premiati durante il convegno "La convergenza Università - Impresa sui sistemi RfId, dalla ricerca alle applicazioni" i migliori progetti italiani RfId italiani

Si è tenuta presso l’Università Carlo Cattaneo-Liuc, durante il convegno La convergenza Università – Impresa sui sistemi RFId, dalla ricerca alle applicazioni – in cui si è parlato di ricerca e applicazioni Rfid in Italia dando voce ai centri di ricerca e alle aziende – la cerimonia di premiazione del primo RFid Italia Award 2008.

Il concorso, nato dalla collaborazione tra il Lab#ID dell’Università Carlo Cattaneo-LIUC e il Cedites (Centro Studi per la Divulgazione della Tecnologia e della Scienza), ha selezionato i migliori progetti italiani in questo settore, con l’obiettivo di promuovere la diffusione e la conoscenza delle relative applicazioni, evidenziando il loro contributo nella creazione di vvalore per le aziende.

Il Comitato Scientifico – costituito dai rappresentanti dei principali laboratori universitari italiani attivi nell’Rfid, dal CCR di Ispra e dal Cedites – ha valutato i 40 e più progetti pervenuti dalle aziende private e pubbliche di tutta Italia operanti in contesti totalmente eterogenei tra loro.

Tra questi sono stati selezionati 12 progetti finalisti, tre per ciascuna delle quattro categorie previste, da presentare al pubblico durante il congresso, prima della premiazione finale.

I vincitori sono risultati: AMSA e Ismett (ex aequo, categoria “Progetti aziendali interni”); Landi Renzo S.p.A (categoria “Progetti di filiera”); Comune di Laveno Mombello e Ente Parco naturale delle Prealpi Giulie (ex aequo, categoria “Progetti di rilevanza sociale e ambientale”); Trigo S.r.l. (categoria “Idee”); SEA spa Esercizi Aeroportuali (menzione per il miglior progetto realizzato nella provincia di Varese); Fondazione IRCCS Istituto dei tumori di Milano (menzione per il progetto più votato dal pubblico in sala).