Rivoluzione digitale IT: i nuovi trend 2014

di Filippo Vendrame

scritto il

Nel corso del 2014 le tecnologie legate a Cloud Computing, Big Data e Trust IT trasformeranno il mondo dell'ICT e dell’impresa. A fornire le previsioni in questo ambito è EMC, azienda americana che sviluppa, fornisce e supporta infrastrutture IT per lo storage, la business intelligence e la virtualizzazione.

=> Italia Digitale: stato dell’arte 2013 e roadmap 2014


Secondo Art Coviello (Presidente RSA, divisione Sicurezza di EMC), oltre alla consumerizzazione dell'IT – e maggiore libertà  concessa dalle aziende ai dipendenti in termini di uso dei loro dispositivi mobile personali (BYOD) – nel 2014 assisteremo alla consumerizazione dell'ID, ovvero dell’identità  digitale in risposta alla crescente esigenza di disporre di un sistema di identificazione per accedere ai propri device più semplice ma comunque controllato. Siamo all'alba di quella che possiamo definire BYOI, caratterizzata da due sviluppi:

  • identità  digitali consolidate, centralizzate, legate ai dispositivi e sempre meno affidate a soggetti esterni come Facebook e Google.
  • modello Intelligence-Driven Security per un’identità  più integrata al flusso di lavoro

Per Amitabh Srivastava (Presidente divisione Advanced Software), il 2014 sarà  l’anno dell'SDxsoftware-defined everything: si affermeranno veri prodotti software-defined e verso quel mondo convergeranno i service provider. L'IT si disaggregherà  e il calcolo, la rete e lo storage si sposteranno in maniera indipendente nelle rispettive categorie software-defined. I maggiori progressi riguarderanno il software-defined storage (SDS), che sarà  disponibile come il vero SDS software. I service provider adotteranno tecnologie software-defined per competere con i provider di public cloud e offrire nuovi servizi cloud con architetture storage di prossima generazione.

Stephen Manley (CTO divisione Data Protection & Availability) sottolinea come le aziende acquistano infrastruttura storage per raggiungere i loro SLO (Service Level Objectives). Le applicazioni richiedono disponibilità /accessibilità , performance e protezione; sebbene queste caratteristiche possano sembrare semplici da reperire sul mercato, in realtà  costituiscono una sfida per chi si deve occupare di data center, e si trova spesso di fronte a dover gestire e integrare diverse configurazioni infrastrutturali.

Tom Roloff (Senior Vice President di EMC Global Services) è dell’idea che nel 2014 si andrà  verso una ridefinizione del ruolo dell'IT aziendale, con i CIO più orientati ai servizi per le funzionalità  IT, attraverso un'interfaccia intuitiva. Da parte delle aziende ci si potrà  anche aspettare una serie di iniziative ‘build your own' platform-as-a-service. Per Rick Devenuti (Presidente Information Intelligence Group), inoltre, il mondo IT si sta spostando dall'era della seconda piattaforma basata su client/server a quella della terza piattaforma guidata dalle tecnologie Big Data, Mobile, Social e Cloud. Questa trasformazione inizia proprio dove si incrociano contenuti, processi e collaborazione, ovvero l'ufficio!

Vic Bhagat (Executive Vice President, Corporate Services e CIO EMC) vede nel 2014 l'anno dell’accesso sempre e ovunque a qualsiasi dato, grazie a piattaforme di cloud computing e software-as-a-service e a tecnologie Big Data. Chirantan “C.J.” Desai, Presidente divisione Emerging Technologies Products) ipotizza inoltre 3 novità :

  • As a Service” – Che si tratti di SaaS, DRaaS, o ITaaS, questa tendenza è partita e tutti noi che lavoriamo nell'IT abbiamo bisogno di comprendere l'impatto che ciò comporta
  • Flash è Ubiquitous – La tecnologia flash ha rivoluzionato lo storage. Ogni cliente con cui parlo ha in programma di massimizzare la tecnologia flash nel corso del 2014
  • Convergenza o Hyper convergenza? – La possibilità  di passare da un’architettura a tre layer (server, rete, storage) a un singolo layer che permette di scalare sia la potenza di calcolo sia quella di storage insieme è estremamente interessante.

Infine, Bill Richter (Presidente Isilon Storage) prevede che nel 2014 le organizzazioni IT intensificheranno gli sforzi per massimizzare Hadoop e trasformare, in modo ancora più veloce ed efficace, i loro dati in informazioni.