Bonus colf: al via le domande di riesame INPS

di Redazione PMI.it

scritto il

Indennità INPS per i lavoratori domestici (Dl Rilancio): disponibile la procedura web per l'invio delle richieste di riesame.

Il Decreto Rilancio (articolo 85 del dl 34/2020) ha introdotto un’indennità economica per i lavoratori domestici, per la cui richiesta è disponibile online una specifica procedura web sul portale INPS (istruzioni di domanda nel messaggio n. 2184 del 26 maggio 2020).

Chi ritenesse di avere i requisiti (dettagliati nella circolare n. 65 del 28 maggio 2020, considerate anche le ipotesi di incompatibilità e cumulabilità con altre misure di sostegno al reddito) necessari per ottenere il bonus colf può utilizzare il servizio INPS online, attraverso cui è anche possibile verificare l’accoglimento o il rigetto della domanda stessa.

Ricordiamo che l’indennità è riservata ai lavoratori domestici non conviventi con i datori di lavoro, che al 23 febbraio scorso avevano attivi uno o più contratti di lavoro per almeno 10 ore a settimana e che non sono titolari di pensione, altri bonus Covid  o altri contratti di lavoro non domestico a tempo indeterminato. Il bonus spetta per i mesi di aprile e maggio per un importo mensile di 500 euro erogato in un’unica soluzione (mille euro) fino ad esaurimento fondi (460 milioni di euro per il 2020).

Bonus colf: esito domande

L’esito dell’istruttoria – che si svolge in maniera automatizzata sulla base delle informazioni presenti nelle banche dati INPS, è notificato agli interessati che risultano ammessi alla prestazione, tramite SMS. L’esito della propria domanda può però sempre essere visualizzato accedendo alla procedura di presentazione della domanda inviata, dove sono indicate anche le eventuali motivazioni della mancata erogazione dell’indennità.

L’utente la cui domanda risulta respinta, nel caso ritenga di avere comunque i requisiti per il bonus, può chiedere il riesame dell’istanza utilizzando la medesima procedura web. Eventualmente, può allegare documentazione utile a dimostrare di possedere i requisiti.

Domanda di riesame: istruzioni

L’accesso al riesame online è dunque disponibile sul portale INPS: dalla home page del sito www.inps.it bisogna accedere alla specifica procedura per l’indennità riservata ai lavoratori domestici e da lì inserire le proprie credenziali:

  • PIN ordinario o dispositivo rilasciato dall’INPS;
  • SPID di livello 2 o superiore;
  • Carta di identità elettronica 3.0 (CIE);
  • Carta nazionale dei servizi (CNS).

Una volta entrati nel servizio, bisognerà accedere alla sezione della pagina web Richiesta di riesame. Qui troverà già le informazioni relative alla domanda presentata e il provvedimento di rigetto. La sezione consente pertanto di inoltrare la domanda di riesame indicando la motivazione della richiesta. Come dicevamo, è possibile caricare allegati in formato pdf, jpeg, png e tiff (massimo 3 MB). Una volta inoltrata, la richiesta è protocollata e le informazioni su suo stato di lavorazione saranno rese disponibili nella medesima sezione del sito web.

La richiesta di riesame potrà essere presentata anche tramite Contact Center Multicanale, chiamando il numero verde 803 164 da rete fissa (gratuitamente) oppure il numero 06 164164 da rete mobile (a pagamento). Serviranno sempre il PIN oppure, per i possessori di SPID, CIE o CNS, il PIN Telefonico generato mediante apposita funzione disponibile nella sezione riservata del portale (MyINPS). Ancora, ci si può rivolgere gratuitamente agli Enti di Patronato.

I Video di PMI

Diventare imprenditore con indennità NASpI