PA: stop incarichi di rilievo ai pensionati

di Redazione PMI.it

scritto il

Pubblicata sulla GU la circolare che vieta l?affidamento di incarichi di rilievo ai pensionati per favorire il ricambio generazionale.

Agevolare il ricambio generazionale nelle Pubbliche Amministrazioni e favorire l?ingresso di giovani: con questo fine il Ministro Marianna Madia ha siglato la circolare – pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 37 del 14 febbraio 2015 – che vieta l?affidamento di incarichi pubblici di rilievo ai pensionati.

=> PA: largo ai giovani?

Una nuova norma, già in vigore dall?entrata in vigore del dl Madia (25 giugno 2014), volta a evitare che:

«il conferimento di alcuni tipi di incarico sia utilizzato dalle amministrazioni pubbliche per continuare ad avvalersi di dipendenti collocati in quiescenza o, comunque, per attribuire a soggetti in quiescenza rilevanti responsabilità nelle amministrazioni stesse, aggirando di fatto lo stesso istituto della quiescenza e impedendo che gli incarichi di vertice siano occupati da dipendenti più giovani. Le nuove disposizioni sono espressive di un indirizzo di politica legislativa volto ad agevolare il ricambio e il ringiovanimento del personale nelle pubbliche amministrazioni.»

=> Il programma del Ministro Madia per combattere il precariato

La disciplina, che si applica a tutte le PA e alle autorità indipendenti, Consob compresa, permette tuttavia alcune eccezioni: è consentito, ad esempio, il conferimento di incarichi di docenza come anche nelle commissioni di concorso o di gara, la partecipazione a organi collegiali consultivi e a commissioni consultive, comitati scientifici o tecnici qualora non siano previsti incarichi di studio/consulenza equiparabili a ruoli direttivi o dirigenziali.