Porta a scuola i tuoi sogni: blog del MIUR debutta con polemiche

di Teresa Barone

scritto il

Polemiche sullo spot del MIUR realizzato per presentare il blog ?Porta a scuola i tuoi sogni?: è rivolta sul Web.

Si chiama “Porta a scuola i tuoi sogni? e rappresenta la nuova iniziativa del MIUR finalizzata a creare uno spazio virtuale di comunicazione con insegnanti, studenti e tutti coloro che sono coinvolti nel mondo della scuola pubblica.

Un blog voluto dal Ministro Francesco Profumo per invitare al dialogo e allo scambio di idee, foto, video e testi che raccontano in qualche modo la scuola di oggi, nel bene e nel male.

«Da oggi parte la campagna #portaascuolaituoisogni. Immagini, testi, foto, citazioni e video: questo è uno spazio aperto a studenti, insegnanti e a tutto il personale, per raccontare le suggestioni sulla scuola… Uno spazio per le idee e, perché no, per i sogni.»

Così si legge nella home del blog del Ministero dell?Istruzione che, già al suo debutto, ha scatenato non poche polemiche nate intorno allo spot visibile sul sito e mandato in onda anche in TV con un testimonial d?eccezione, il cantautore e docente Roberto Vecchioni.

Il motivo di tante critiche è presto detto: lo spot realizzato dal MIUR darebbe un?immagine falsata della scuola pubblica, tanto più che a fare da sfondo sono le mura della Deutsche Schule Mailand, la scuola tedesca di Milano, ovviamente privata. Una scelta giudicata poco felice che ha scatenato la rabbia di numerosi utenti Web, indignati contro una campagna potenzialmente lodevole e ricca di significato ma, a tutti gli effetti, basata sul mancato rispetto della realtà in cui vivono gli studenti italiani.

Il video è stato bersagliato di critiche anche all?interno del canale Youtube del MIUR, dove oltre 15mila utenti hanno manifestato pienamente il loro sdegno. Il Ministero, dal canto suo, ha confermato che la scelta di girare lo spot in un istituto privato è stata dettata da motivi puramente logistici, sottolineando quindi come le polemiche siano del tutto prive di fondamento.