Tratto dallo speciale:

Albo unico dei consulenti finanziari

di Redazione PMI.it

scritto il

È attivo dal 1 dicembre l’Albo unico dei consulenti finanziari: ecco come si divide e quali professionisti coinvolge.

Dal 1 dicembre è attivo il nuovo Albo unico della consulenza finanziaria, una novità importante che raggruppa e regolamenta l’attività dei professionisti attraverso l’istituzione di tre sezioni differenti.

=> Professioni 2020: ecco i ruoli chiave

L’Albo si divide rispettivamente in: consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede (gli ex promotori finanziari), consulenti finanziari autonomi (consulenti fee only) e società di consulenza finanziaria (Scf).

Le ultime dee sezioni riguardano i professionisti la cui remunerazione deriva esclusivamente dalla parcella versata dai clienti. Con la creazione dell’Albo unico, inoltre, anche diverse categorie di professionisti come i commercialisti e i consulenti aziendali potranno richiedere l’iscrizione nella sezione degli autonomi, sostenendo l’esame previsto.

A vigilare sull’attività dei consulenti finanziari è l’Ocf (Organismo di vigilanza e tenuta dell’albo unico dei consulenti finanziari), che ha già deliberato l’iscrizione con effetto immediato nell’Albo unico di 9 società e di 52 consulenti finanziari nella sezione autonomi.