Kodak, arriva la richiesta di bancarotta assistita

di Massimiliano Santoro

scritto il

Una nota della compagnia annuncia la presentazione dell'istanza volontaria "Chapter 11" per la riorganizzazione aziendale.

Da ieri le indiscrezioni hanno trovato un riscontro reale. Eastman Kodak Company ha annunciato la presentazione di richiesta di Chapter 11 presso la Corte Fallimentare degli Stati Uniti– Southern District di New York. Questa misura permette alle imprese che lo utilizzano una ristrutturazione a seguito di un grave dissesto finanziario. In Italia, lo strumento simile è l’amministrazione controllata.

Nella nota ufficiale l’azienda spiega che “la riorganizzazione aziendale ha lo scopo di sostenere la liquidità negli Stati Uniti e all’estero. La società ha effettuato investimenti in tecnologie d’avanguardia, deposizione digitale e materiali in questi ultimi anni, generando circa il 75% del suo fatturato digitale dalle imprese nel 2011″.

Kodak ha ottenuto un finanziamento di 950 milioni di dollari con 18 mesi di maturazione da Citigroup: “La società – spiega la nota – ritiene di avere liquidità sufficiente per gestire la propria attività durante il capitolo 11, e per continuare il flusso di beni e servizi ai propri clienti nel corso ordinario. Kodak si aspetta di pagare gli stipendi dei dipendenti e continuare i programmi dei clienti”.

“E’ un passo significativo per la nostra azienda consentendo così di completare la sua trasformazione” ha dichiarato il presidente e CEO, Antonio M. Perez. “Ora dobbiamo completare la trasformazione ulteriormente affrontando la nostra struttura dei costi e monetizzare in modo efficace attività non-core IP. Dopo aver considerato i vantaggi del capitolo 11 in questo momento, il consiglio di amministrazione e tutta la squadra senior management all’unanimità crede che questo sia un passo necessario e la cosa giusta da fare per il futuro della Kodak”, ha continuato Perez.

“Il Capitolo 11 ci offre le migliori opportunità di massimizzare il valore in due parti critiche del nostro portafoglio tecnologico: i nostri brevetti di acquisizione digitale, che sono essenziali per una vasta gamma di dispositivi consumer portatili e altri dispositivi elettronici che catturano le immagini digitali e hanno generato oltre 3 miliardi di dollari dei ricavi delle licenze dal 2003. E le nostre tecnologie di stampa innovative che danno un vantaggio competitivo delle nostre imprese in crescita digitale”.