Apple perde 35 miliardi in Borsa

di Floriana Giambarresi

scritto il

Le azioni Apple hanno perso in Borsa oltre il 6%, ovvero circa 35 miliardi di dollari di capitalizzazione: ecco il perché del crollo.

Le azioni Apple sono tra le più desiderate tra gli investitori ma hanno perso molto terreno in Borsa nella giornata di ieri. Si tratta di un calo pari all’oltre 6% nell’indice S&P 500, che è costato all’azienda di Tim Cook una perdita di 35 milioni di dollari di capitalizzazione di mercato. È il crollo più importante registrato negli ultimi 4 anni.

37 milioni di dollari di azioni sono passate di mano in mano e il titolo Apple ha perso così tanto terreno a causa di vari fattori. Secondo gli esperti di mercato, sul titolo avrebbe pesato il possibile aumento sulle tasse sui dividendi e sulle plusvalenze, nonché l’accordo commerciale che Nokia – uno dei suoi competitor – ha siglato con China Mobile, che potrebbe avere un impatto negativo sulle vendite di iPhone 5 in Cina, proprio quel territorio dove Apple guarda per l’espansione futura delle proprie attività.

Hanno pesato anche le previsioni degli analisti di IDC, secondo i quali l’azienda di Cupertino continuerà a perdere terreno nel settore dei dispositivi mobile a causa soprattutto dell’inarrestabile avanzata dei prodotti Android, ovvero quegli smartphone dotati del sistema operativo di Google.

Secondo Brian Battle della società Performance Trust Capital Partners, Apple ha bisogno di un lanciare un dispositivo del tutto nuovo per riconquistare la fiducia degli investitori: dopo la scomparsa di Steve Jobs, l’unico prodotto differente immesso nel mercato è stato iPad Mini, ma gli analisti sottolineano come si tratti solo di un iPad in miniatura e di come il gruppo capitanato da Tim Cook abbia bisogno di una novità vera e propria per far sì che le azioni tornino a una cifra superiore ai 700 dollari.