Medici e ricercatori, precari e sottopagati

di Redazione PMI.it

scritto il

Ricerca Amsi-Umem-UxU mette in luce precarietà e difficoltà di medici e ricercatori in Italia, sempre più spesso in fuga all'estero.

Sette giovani medici e ricercatori su dieci decidono di varcare i confini nazionali e andare all’estero, con l’obiettivo di avere maggiori opportunità di carriera.

Secondo un’indagine Amsi-Umem-UxU, condotta su un campione di 5mila professionisti, il 70% dei camici bianchi è sottopagato e nel 50% dei casi le retribuzioni vengono stabilite in base alle Assicurazioni e con notevoli ritardi.

Osservando più da vicino gli esiti della ricerca, la paga dichiarata dalla maggioranza dei professionisti non solo è insufficiente ma in alcuni casi sfiora i 7 euro l’ora.

=> Medici: come aumentare la pensione

Se il 90% dei medici stranieri cerca di inserirsi nel SSN senza successo, a causa dell’assenza della cittadinanza italiana o di una specializzazione, i chirurghi ambiscono a trasferirsi all’estero per riuscire a diventare primi operatori anche all’inizio della carriera. Il 95% dei ricercatori italiani, inoltre, risulta precario con retribuzioni medie di 1500 euro al mese. La totalità degli intervistati, infine, chiede a gran voce più borse di specializzazione oltre a una maggiore stabilità.

Secondo Amsi e Umem, per evitare la fuga dei professionisti e garantire il SSN è fondamentale migliorare l’aspetto organizzativo e amministrativo, anche attraverso una più attenta selezione dei direttori generali basata sulle competenze effettive.

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari