Aziende, come cambia l’Advertising?

di Noemi Ricci

scritto il

Cambiano le abitudini degli utenti, sempre più interessati a internet e alle reti sociali, secondo i dati analizzati da Nielsen, utili alle aziende per comprendere come modificare il proprio modo di fare pubblicità

Il 18% del tempo che impieghiamo su internet sarebbe dedicato ai siti di social networking, secondo un recente studio Nielsen. Una crescita considerevole rispetto al 2008: +300%. Tra gli altri dati emersi dalla ricerca vi è il ruolo centrale che rivestono per gli internauti i contenuti digitali, in particolar modo quelli in formato testuale e video.

Gli utenti continuano inoltre a mantenere alto il proprio desiderio di connettersi, di comunicare e di condividere esperienze e contenuti.

Dati interessanti, che dovrebbe far riflettere soprattutto chi fa pubblicità online e che guarda con sempre maggiore interesse alle possibilità offerte da network sociali come Facebook.

Sempre secondo una ricerca Nielsen negli ultimi tempi ci sarebbe stato un calo negli investimenti pubblicitari del -16% tra gennaio e settembre 2009, rispetto allo stesso periodo del 2008, per un totale di 5.990 milioni di euro. Solo a settembre si è registrata una flessione del -12%.

In una classifica guidata da Wind, Unilever, Vodafone, Telecom It. Mobile, Ferrero, Barilla, Procter&Gamble, L’Oreal, Volkswagen e Fiat Div. Fiat Auto, si registra un calo che a livello di settori merceologici vede un -11,6% per gli Alimentari, -21,3% per le Auto e -5,7% per le Telecomunicazioni.

La televisione registra una flessione del -13,2%, la Stampa del -23,6%, la Radio del -14,0%. Bene invece Internet che cresce del +5,2% e raggiunge i 421,4 milioni di euro.

I Video di PMI

Perché i dati dei collegamenti LinkedIn vanno scaricati