Manovra economica: si comincia con tracciabilità delle transazioni e redditometro

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

La manovra da 24 miliardi prevista dal Governo è pronta. Oltre al redditometro per le verifiche fiscali, tracciabilità delle transazioni professionli e commerciali

La manovra economica da 24 miliardi prevista dal Governo accelera il suo iter: i pilastri fondamentali voluti da Tremonti vanno oltre il già preannuciato redditometro per monitorare le dichiarazioni fiscali (già dal 2011). Obiettivo comune, reperire risorse finanziarie puntando in primis sulla lotta anti-evasione.

Intanto, è polemica sul dibattuto condono edilizio: mini-manovra da 6 miliardi da integrarsi con la sanatoria fiscale sulle case fantasma (concordato edilizio).

Secondo le stime e i raffronti con i precedenti condoni, tra cui il precedente del 2003-2004, le nuove costruzioni abusive non dovrebbero superare le 350mila unità, determinando un costo sulle imposte di circa 22 mila euro ad unità immobiliare.

Entrambi i provvedimenti, tra polemiche e tentativi di mediazione da parte del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, potrebbero trovare un’approvazione immediata da parte della maggioranza ed essere pronti al varo già tra martedì e mercoledì prossimi; voci di corridoio confermerebbero però l’eliminazione del condono dalla manovra.

Per quanto può interessare le imprese, le misure che invece sembrano certe restano il pacchetto anti-evasione (tracciabilità dei pagamenti: niente contanti per transazioni commerciali, di professionisti e di lavoratori autonomi) e la tassazione delle società d’investimento immobiliare quotate.

Non solo: verrà introdotta anche l’inversione dell’onere della prova: il contribuente sotto indagine dovrà provare di aver pagato le tasse, mentre in passato toccava alla PA dover provare le irregolarità.