Aliquote IMU 2012: Capoluoghi a confronto

di Noemi Ricci

scritto il

IMU 2012: aliquote, agevolazioni e rincari nell'analisi comparata sulle diverse tipologie di immobile nei Comuni e nei Capoluoghi di regione.

Le aliquote IMU 2012 sono state rese ufficiali da tutti i Comuni italiani ma gli Italiani stanno riscontrando difficoltà nel reperire  le delibere, necessarie per calcolare l’importo dovuto a saldo, in scadenza il 17 dicembre 2013: un problema, visto che per i piccoli Comuni non sempre i software di calcolo online IMU sono aggiornati con le aliquote specifiche.

=>Vai alla mappa delle aliquote IMU 2012 nei Comuni

Le aliquote IMU definitive, lo ricordiamo, sono state deliberate dagli Enti locali partendo da quelle ordinarie stabilite dal Governo per le prime case (4 per mille) e per le  abitazioni diverse dalla principale (7,6 per mille).

Aliquote IMU prima e seconda casa

I Comuni avevano la possibilità di variare l’aliquota aumentandola o diminuendola del 2 per mille per la prima casa e del 3 per mille per le altre tipologie (esclusi alcuni casi particolari).

=>Trova l’aliquota IMU 2012 nel tuo Comune

Come era prevedibile la maggioranza dei Comuni (55%) ha deciso di aumentare l’aliquota base della prima casa (per la quale tra l’altro non è prevista la quota statale, quindi il gettito va per intero all’Amministrazione locale).

Solo Milano, L’Aquila e Trieste hanno scelto di abbassare l’aliquota base, mentre il 30% dei Comuni ha deciso di lasciarla inalterata.

IMU per immobili in locazione

Secondo Confabitare il 25% dei Comuni ha  stabilito aliquote agevolate per gli immobili dati in locazione con contratto di affitto concordato. Iniziative che si scontrano con il 40% di Enti locali che invece ha aumentato l’aliquota anche per questa tipologia di immobili.

Per gli affitti regolati con contratto libero praticamente tutti i Comuni (90%) hanno applicato un’aliquota maggiore di quella base, il 65 %  ha scelto quella massima del 10,6 per mille.

=>Scopri le aliquote IMU2012 per immobili in locazione

Agevolazioni vengono concesse per gli immobili concessi in comodato d’uso gratuito ai parenti di primo grado nel 5% dei Comuni. Nessuna agevolazione in questi casi per il 30% dei capoluoghi italiani, aliquota maggiorata al 7,6 per mille nel 65% dei casi. Aliquota IMU al 10,6 per mille, infine, nell’85% dei Comuni per le abitazioni sfitte.

=>Per i dettagli vai allo Speciale IMU

Per scaricare il report integrale di Confabitare: clicca qui