Regime dei Minimi: scadenza adesione, 30 luglio 2012

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Per i nuovi minimi che intendono accedere nel 2012 al regime fiscale di vantaggio (regime dei minimi) l’opzione va esercitata entro il 30 luglio, senza sanzioni: tutti i dettagli.

Si avvicina la scadenza di riferimento per il nuovo Regime dei Minimi, introdotto dall’art. 27 del D.L. n. 98 del 2011 (Manovra Finanziaria Monti): chi vuole usufruire del regime fiscale di vantaggio deve esercitare l’opzione entro il 30 luglio 2012.

A ricordarlo è la Circolare n. 17 dell’Agenzia delle Entrate recante indicazioni sugli “adempimenti per accedere al regime fiscale di vantaggio”: 60 giorni dalla data di pubblicazione (30 maggio 2012) è il termine per accedere al nuovo Regime dei Minimi 2012.

L’appuntamento fiscale per esercitare l’opzione di accesso al Regime dei Minimi sarebbe quindi il 29 luglio che, essendo domenica, rimanda la scadenza al 30 luglio 2012. Stessa data anche per chi avesse emesso le fatture errate e deve rettificarle con l’emissione di note di variazione.

L’adempimento riguarda le Partite IVA, sia che abbiano avviato l’attività nel 2012 e non abbiano dato alcuna comunicazione (entro il 30 luglio non si incorrerà in alcuna sanzione per il ritardo), sia quelle che hanno iniziato l’attività dal 1° gennaio 2012 avendo i requisiti per accedere al regime di vantaggio (devono obbligatoriamente darne comunicazione nella dichiarazione di inizio attività utilizzando il modello AA9/11 approvato il 18 maggio 2012).

Qui va barrata nel “quadro B” la casella dedicata al Regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile.

Chi avesse utilizzato il vecchio modello e avesse barrato la casella della sezione “Regime per i contribuenti minimi previsto dall’art. 1, comma 96 e seguenti, della L. 24 dicembre 2007, n. 244” è già in regola, perché questa opzione viene interpretata come intenzione di aderire al nuovo regime fiscale di vantaggio.

I Video di PMI

Regime forfettario: guida ai requisiti