Taglio IRPEF alle imprese agricole

di Noemi Ricci

scritto il

Le anticipazioni del Premier Renzi in merito alla cancellazione, dal 2017 dell'IRPEF agricola, proseguendo il percorso della precedente Legge di Stabilità.

Coltivatori diretti e possessori di qualifica di imprenditore agricolo professionale (Iap) potranno presto dire addio all’IRPEF sulle rendite catastali delle imprese agricole. È una delle promesse del governo Renzi che dovrebbe essere concretizzata con la Legge di Stabilità 2017, proseguendo il percorso iniziato con la Legge di Stabilità 2016 che cancellato l’IRAP e l’IMU sui terreni agricoli.

=> IRPEF 2016, le novità

Per l’Erario, il taglio di IRAP, IMU e IRPEF per coloro che si occupano di agricoltura comporterà un minore gettito pari a 1,3 miliardi di euro in due anni (circa 134 milioni di euro per la componente IRPEF).

Ad annunciare il taglio IRPEF per le imprese agricole agli agricoltori associati alla Coldiretti è stato proprio il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, dichiarando nel corso di un’assemblea alla quale ha partecipato che:

«Nel quadro economico del DEF, a cui seguirà la Legge di Stabilità il prossimo 15 ottobre, abbiamo previsto a partire dal 2017 la cancellazione della parte di IRPEF agricola che le aziende pagano. Un provvedimento che rientra nella logica del passo dopo passo, dopo che abbiamo tolto IMU e IRAP, ma che è anche un’operazione che dà il senso del valore sociale dell’agricoltore e del contadino. In questi ultimi anni in Italia all’agricoltura non è stato dato il giusto peso e il giusto ruolo. È ora di riprenderci tutti assieme questo ruolo».

Anticipazioni confermate dal ministro alle politiche agricole, Maurizio Martina:

«Abbiamo tagliato oltre 1,3 mld di euro di tasse per gli agricoltori in 2 anni, cancellando IRAP e IMU sui terreni. Nella prossima Legge di Bilancio abbatteremo ai fini IRPEF le rendite catastali dei terreni agricoli per coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali. Dopo l’abolizione di IMU e IRAP con questo intervento realizziamo la più grande operazione di sgravio fiscale per l’agricoltura mai fatto in Italia».

 => Legge di Stabilità 2017

Il sottosegretario all’Economia Pierpaolo Baretta ha spiegato che, seguendo il modello dell’IRES, il piano per una riduzione dell’IRPEF verrà spalmato su tre anni a partire dal 2018.

Soddisfazione è stata espressa dal presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo, per il quale la cancellazione dell’IRPEF agricola:

«Riconosce finalmente la specificità dell’attività agricola che nel fare impresa produce bene comune, oltre a benefici sul piano ambientale, paesaggistico e culturale». Questo intervento «restituisce dignità al lavoro nei campi e sostiene la competitività delle imprese agricole italiane che, nonostante le difficoltà, nel secondo trimestre 2016 sono cresciute in termini di valore aggiunto il triplo dell’industria e il doppio dei servizi».