Tratto dallo speciale:

Calcolo pensione: busta arancione in dettaglio

di Noemi Ricci

scritto il

La busta arancione inviata dall'INPS contiene una simulazione della pensione futura, importo, data di uscita del lavoro e così via: ecco in dettaglio come è fatta.

Sono in arrivo le prime buste arancioni con la simulazione dell’importo della pensione futura alla quale si ha diritto sulla base di quanto finora versato, della retribuzione attesa e della data di uscita dal lavoro. A riceverla, per ora, saranno 150 mila lavoratori italiani (non gli 8 milioni del progetto iniziale), subito dopo Natale, ma di cosa si compone questo documento?

=> Pensione futura: arriva la busta arancione

Si tratta di quattro pagine, la prima delle quali contiene una previsione della pensione futura:

  • data di pensionamento;
  • importo mensile lordo;
  • stima dell’ultima retribuzione lorda o del reddito percepito;
  • tasso di sostituzione (percentuale dell’importo della pensione lorda rispetto all’ultima retribuzione sempre lorda).

La seconda pagina contiene l’estratto conto dei contributi versati e poi accreditati dall’INPS, distinti per: tipo contributo, tipologia del lavoro; periodo dei contributi; quelli utili per la pensione e il relativo reddito o retribuzione; nomi delle aziende presso cui si è prestata l’attività lavorativa. La terza pagina riguarda la simulazione della contribuzione futura stimata dall’INPS in base al profilo lavorativo del contribuente. Una simulazione che rappresenta una semplice indicazione e che naturalmente non tiene conto di eventuali benefici di legge o di altre contribuzioni che permettano di anticipare la data di pensionamento o portino ad un importo della pensione più basso rispetto a quello stimato.

=> Simulazione pensione: busta arancione per pochi

La quarta ed ultima pagina contiene:

  • un invito dell’INPS a segnalare eventuali errori presenti nell’estratto conto;
  • alcune informazioni per l’accesso al servizio di simulazione online;
  • informazioni su come ottenere il PIN ordinario.

L’Istituto rende inoltre nota la possibilità di usufruire di una consulenza personalizzata presso le proprie sedi per valutare come possono essere valorizzati in modo più utile i contributi accreditati, ad esempio facendo ricorso alla loro ricongiunzione e cumulo.

I Video di PMI

Quota 100: regole, pro e contro