Debiti fiscali: i nuovi codici tributo F24

di Francesca Vinciarelli

scritto il

I nuovi codici fiscali istituiti dall'Agenzia delleEntrate nel modello F24 per i debiti fiscali.

Cambiano i codici tributo da utilizzare nel modello F24 a fronte delle novità normative in tema di debiti fiscali. Con la Risoluzione n. 64/2015 l’Agenzia delle Entrate ha introdotto nove nuovi codici tributo e modificato quattro delle descrizioni per il recupero tramite ruolo, unitamente ai relativi interessi e sanzione, dell’addizionale su compensi erogati per bonus e stock options art. 33, comma 1, del D.L. n. 78/2010, del credito d’imposta per la promozione dell’agroalimentare italiano art. 1, comma 1088, della legge n. 296/2006, dell’imposta sostitutiva sui redditi diversi art. 3, commi 15 e 16, del D.L. n. 89/2014 – Modifica della descrizione dei codici tributo 1815, 181M, 181N e 132A.

=> Semplificazioni F24 2015: nuovi codici tributo

Nuovi codici tributo

Nel dettaglio i nuovi codici tributo sono:

  • 1059 denominato “Addizionale su compensi a titolo di bonus e stock options maturati fuori territorio Sicilia, Sardegna e Valle d’Aosta”;
  • 105 B denominato “Addizionale su compensi a titolo di bonus e stock options maturati fuori territorio Sicilia, Sardegna e Valle d’Aosta interessi”;
  • 105C denominato “Addizionale su compensi a titolo di bonus e stock options maturati fuori territorio Sicilia, Sardegna e Valle d’Aosta sanzione”;
  • 6825 denominato “Credito imposta promozione sistema agroalimentare italiano”;
  • 682M denominato “Credito imposta promozione sistema agroalimentare italiano interessi”;
  • 682N denominato “Credito imposta promozione sistema agroalimentare italiano sanzione”;
  • 1133 denominato “Imposta sostitutiva red diti diversi opzione affranca mento”;
  • 113I denominato “Imposta sostitutiva redditi diversi opzione affrancamento interessi”;
  • 113S denominato “Imposta sostitutiva redditi diversi opzione affrancamento sanzione”.

=> Riforma Fiscale: novità per i debiti

Descrizioni modificate

  • Alcune descrizioni sono state modificate al fine di provvedere alla riscossione coattiva dell’imposta sostitutiva dovuta con diverse aliquote in base al disposto dell’articolo 81 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla legge 6 agosto 2008, n. 133. I codici tributo interessati sono:
  • 1815;
  • 181M;
  • 181N.

Modificato anche il codice tributo 132A, relativo a ritenute su indennità per cessazione di rapporto di lavoro corrisposte da sostituti domiciliati in Sicilia, Sardegna e Valle d’Aosta, esplicitando l’indicazione della regione Valle d’Aosta altrimenti mancante, come riportato in tabella:

CODICE TRIBUTO DESCRIZIONE NUOVA DESCRIZIONE
1815 imp. sost. valore rimanenze
finali art. 81 c. 21 dl 112/2008
imposta sostitutiva valore rimanenze finali art. 81 dl 112/2008
181M imp. sost. valore rimanenze
finali art. 81 c. 21 dl 112/2008 – int.
imposta  sostitutiva. valore rimanenze finali art. 81 dl 112/2008 interessi
181N imp. sost. valore rimanenze finali art. 81 c. 21 dl 112/2008 – sanz. imposta sostitutiva valore rimanenze finali art. 81 dl 112/2008 sanzione
132A indennità per cessazione rapporto lavoro Sicilia Sardegna impianti f indennità cessazione rapporto lavoro Sicilia Sardegna Valle d’Aosta impianti fuori regione

.

I Video di PMI

Pace fiscale: aliquote saldo e stralcio