Scontrino elettronico, procedura web e registratore di cassa

di Barbara Weisz

scritto il

Registratori di cassa e procedura web, si possono utilizzare entrambi gli strumenti per emettere lo scontrino elettronico: le precisazione del Fisco.

Il software dell’Agenzia delle Entrate per emettere lo scontrino elettronico, obbligatorio dal prossimo primo gennaio, va incontro alle esigenze delle partite IVA che non effettuano un numero elevato di operazioni: ma possono utilizzarlo anche i commercianti che hanno il registratore di cassa telematico in negozio. Ad esempio, nel caso in cui abbiano personale che svolge attività fuori dal punto vendita. Si tratta di una possibilità prevista dalla normativa, sottolinea l’Agenzia delle Entrate nella Guida alla memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi.

=> Scontrino elettronico: cosa cambia per il cliente

Scontrino elettronico: come gestirlo

Il punto è il seguente: in base all’articolo 2 del dlgs 127/2015, dal prossimo primo gennaio devono emettere scontrino elettronico tutti coloro che esercitano attività di commercio al minuto e attività assimilate (l’obbligo è già in vigore dallo scorso mese di luglio, ma solo per gli operatori che fatturano più di 400mila euro all’anno). Lo strumento fondamentale per effettuare correttamente le operazioni previste è il registratore di cassa telematico.

Il Fisco, come è noto, mette però a disposizione degli operatori una procedura web sul portale “fatture e corrispettivi”, pensata in particolare per gli operatori che non hanno un’alta frequenza di operazioni.

C’è però anche la possibilità di utilizzare entrambi gli strumenti. Ad esempio, un negozio che ha il registratore di cassa nel punto vendita, ma anche personale che svolge l’attività esternamente (ad esempio manutenzione, o vendita a domicilio), può scegliere questa opzione. In questo caso, le operazioni effettuate fuori dal punto vendita potranno essere effettuate utilizzando la procedura web delle Entrate.

Questo non crea ulteriori complicazioni o adempimenti, anzi si tratta di una semplificazione: sarà il sistema dell’Agenzia delle Entrate a sommare i corrispettivi pervenuti dall’RT e quelli registrati con la procedura web, mostrando il totale dei corrispettivi all’interno del portale Fatture e Corrispettivi.

I Video di PMI

Flat tax: come funziona