Tratto dallo speciale:

Nucleare, stop allo spot: ripercussioni su referendum e mercato?

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

IAP ferma spot di Forum Nucleare: comunicazione commerciale ingennevole, non conforme alle norme; ripercussioni su referendum e mercato?

Accolte le forti critiche sullo spot di Forum Nucleare sui pro e contro del ritorno in Italia delle centrali: la “partita a scacchi” è stata giudicata pubblicità commerciale ingannevole dall’Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria (IAP). Non una campagna informativa ma un’espressione di parte che implicitamente promuove l’industria del Nucleare (piuttosto che delle energie green alternative), evidenziando i “pro” più che i “contro”.

Tanto da non essere conforme all’art. 2 del Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale, letto e applicato alla luce delle Norme preliminari e generalì e integrato dal disposto dell’art. 46. L’articolo – relativo alle comunicazioni commerciali ingannevoli – ha motivato lo stop alla trasmissione dello spot.

La notizia ha ovviamente scatenato la reazione del Forum, che ribadisce gli intenti di informazione e ripresa del dibattito. Di parere opposto Greenpeace, che accoglie con soddisfazione la decisione attesa fin dalla prima messa in onda dello spot, avvenuta a Dicembre. Una decisione che rende giustizia a tutti i “particolari noti agli addetti ai lavori: «scorie impossibili da smaltire, gli enormi costi, il falso mito dell’indipendenza energetica e i problemi di sicurezza».

Articoli Correlati: