Mutui a tasso fisso e variabile: scende lo spread ma non la rata

di Noemi Ricci

scritto il

Spread BTp-Bund e tasso Euribor ai minimi storici ma non i mutui in Italia, che non assorbono questi cambiamenti a tutto vantaggio delle banche: andamenti e motivazioni.

Andamento a due velocità per lo spread BTp-Bund e per l’ammontare delle rate dei mutui: il primo ha subito una flessione importante permettendo allo Stato di pagare meno interessi sul debito, il tasso di interesse applicato ai mutui è invece rimasto quasi stabile dal 2011.

=> Leggi tassi e agevolazioni sui mutui

Fondamentalmente questa situazione va tutta a favore delle banche. Queste hanno infatti un vantaggio dal calo dello spread, ma non vi fanno corrispondere tassi di mutui variabili e fissi più bassi.

Il risultato è che in Italia, a dispetto della situazione che dovrebbe essere favorevole sul fronte dei mutui, ottenerli diventa più difficile e i costi applicati restano alti.

Infatti, mentre lo spread BTp-Bund è sceso sotto 300 punti, dai quasi 600 punti di novembre 2011, i tassi dei mutui variabili si assestano in media intorno al 3,14%, contro il 3,55% di poco più di un anno fa.

Dunque i differenziali applicati sui mutui sono sostanzialmente al chiodo e questo nonostante lo spread sui titoli tedeschi sia calato drasticamente e il tasso Euribor con la scadenza a tre mesi sia ai minimi dall’arrivo dell’euro (0.19%, contro l’1,08% di febbraio 2012).

=> Leggi l’effetto dei tagli della Bce sui mutui

Quello attuale sarebbe stato, in teoria, il momento ideale per puntare ai mutui variabili, ma le banche italiane hanno di fatto annullato questo vantaggio.

E come se non bastasse, confrontando il differenziale di costo tra i mutui erogati dagli istituti di credito in Italia e nel resto d’Europa si osserva una situazione nettamente a sfavore dell’accesso al credito italiano.

Gli istituti di credito si difendono lamentando il costo della raccolta ancora elevato, una normativa bancaria più restrittiva rispetto al resto d’Europa, difficoltà e tempistiche troppo lunghe (oltre 10 anni) per riscattare l’immobile nel nostro Paese (in Germania ci vogliono solo 12 mesi).

I Video di PMI

Digitale Business: la classifica delle innovazioni