Mutui in ripresa, ma i tassi restano alti

di Barbara Weisz

scritto il

L'ABI misura una crescita del 76% dei mutui casa nel primo semestre, la CGIA segnala come i tassi, pur in flessione, siano più alti che in Europa: il mercato di mutui e prestiti.

Si consolida la ripresa del mercato dei mutui casa, con una solida crescita del 76,2% nel primo semestre 2015 rispetto all’analogo periodo 2014, in aumento (anche se qui i numeri sono più modesti) i finanziamenti alle imprese: sono i dati comunicati dall’ABI, l’associazione banche italiane, a cui però fanno da contraltare quelli della Cgia di Mestre, che segnalano come, pur in discesa, i tassi dei mutui applicati in Italia sono del 9% più alti di quelli medi dell’Eurozona. Vediamo tutto.

=> Mutuo con indeterminato a tutele crescenti

La rilevazione ABI è effettuata su un campione di 78 banche, l’80% del mercato italiano: fra gennaio e giugno i nuovi mutui casa alle famiglie sono stati pari a 20,777 miliardi di euro rispetto agli 11,794 miliardi dello stesso periodo del 2014, con un incremento del 76,2%. Si tratta di un dato in crescita anche rispetto al prio semestre 2013 (9,205 miliardi di euro) e 2012 (10,802 miliardi di euro). Fra i dati che emergono, l’aumento della quota del tasso fisso negli ultimissimi mesi: a giugno il 60% dei mutui erogati è stato a tasso fisso, contro il 20% di 12 mesi prima. La media del semestre vede ancora in testa il tasso variabile, al 52,8%.

=> Mutui: come risparmiare cambiando

Si può sottolineare come questo incremento del tasso fisso avvenga in un contesto di tassi di interesse ancora molto bassi, che quindi dovebbero spingere le famiglie verso il tasso variabile: probabilmente il quadro internazionale, a partire dai timori delle scorse settimane per la crisi greca, ha provocato un atteggiamento di maggior prudenza (il tasso fisso protegge dai rischi di instabilità).

E veniamo alle considerazioni della Cgia di Mestre: a giugno, il tasso medio dei mutui italiano è stato del 2,20%, rispetto a una media europea del 2,02%. Si tratta di una differenza del 8,9%, che comunque rappresenta un miglioramento rispetto agli scorsi anni. Nel 2012 l’Italia scontava uno scarto superiore al 20%, che nel 2013 saliva al 23%, per poi tornare a scendere nel 2014, pur restando a due cifre (13,2%).

Anche sul fronte delle consistenze la Cgia misura un gap con il resto d’Europa: al 30 giugno le banche hanno erogato 359 miliardi di euro, contro i 401,9 miliardi di euro dell’Olanda, 565,8 miliardi della Spagna, 875,8 miliardi della Francia, per non parlare dei 1.061,3 miliardi della Germania.

«Sebbene i tassi siano in calo – segnala Paola Zabeo, della CGIA -, gli effetti positivi di questa tendenza li avvertiremo, molto probabilmente solo verso al fine dell’anno».

Infine, l’andamento dei prestiti alle imprese: l’ABI misura nel primo semestre una crescita del 16,3% rispetto allo stesso periodo del 2014, mentre l’incremento del credito al consumo alle famiglie è pari al 18,2%.

.

I Video di PMI

Come consultare i bandi regionali