Tratto dallo speciale:

Totalizzazione pensione di invalidità: nuove regole

di Barbara Weisz

scritto il

Totalizzazione contributi per la pensione di vecchiaia o anzianità anche per titolari di trattamento del invalidità che perdono l'assegno: messaggio INPS.

Per i titolari di pensione di invalidità non confermate, diventa possibile esercitare la totalizzazione dei contributi per il trattamento di anzianità o di vecchiaia: lo stabilisce l’INPS con il Messaggio 9626/2014, parziale marcia indietro rispetto alla precedente interpretazione più restrittiva. Fino ad oggi, le regole per la totalizzazione escludevano questa possibilità per le pensioni di invalidità (Circolare INPS 9/2008).

=> Pensioni di invalidità: regole per il requisito reddituale

Nuove regole

L’istituto di previdenza ha stabilito che d’ora in poi, i titolari di pensioni di invalidità che perdono l’assegno (ad esempio, perché viene meno il requisito), nel caso in cui abbiano contributi versati in altre gestioni possono effettuare la totalizzazione sia per il trattamento di anzianità (che richiede 40 anni e tre mesi di contributi, più la finestra mobile di 21 mesi), sia per ottenere la pensione di vecchiaia (65 anni e tre mesi più la finestra mobile).

=> Pensioni 2015: assegni e rivalutazioni

Vecchie regole

L’unico caso in cui era già possibile la totalizzazione era quello in cui, a seguito di un peggioramento delle condizioni di salute del titolare, l’assegno di invalidità venisse trasformato in pensione di inabilità. La totalizzazione era invece esplicitamente vietata in caso di trasformazione dell’assegno ordinario di invalidità, ovvero della pensione di invalidità, in pensione di vecchiaia. E non si poteva nemmeno cumulare un assegno di invalidità con contributi versati in un’altra gestione previdenziale, per totalizzarli in un’unica pensione.

Totalizzazione e ricongiunzione contributi

Ricordiamo che la totalizzazione dei contributi previdenziali permette a lavoratori dipendenti, autonomi e professionisti che hanno effettuato versamenti in gestioni diverse di utilizzarli in tutto o in parte per ottenere un’unica pensione che sarà la somma dei trattamenti di competenza di ciascun istituto previdenziale. La totalizzazione è gratuita, ed è una possibilità diversa dalla ricongiunzione dei contributi, che spesso è invece onerosa, e permette (sempre a chi ha effettuato versamenti presso più enti) di unirli per ottenere alla fine una pensione da un unico ente previdenziale.