Tratto dallo speciale:

Pensioni e assunzioni: le nuove proposte

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Necessaria una nuova Riforma delle Pensioni per risolvere il problema esodati ma anche per garantire occupazione e pensione ai lavoratori.

Mentre il Governo lavora ad una soluzione strutturale per risolvere il problema dei lavoratori esodati, rimasti senza pensione né lavoro dopo la Riforma delle Pensioni Fornero, e vara la sesta salvaguardia, appare evidente la necessità di rivedere il sistema previdenziale italiano per renderlo sostenibile senza penalizzare i lavoratori di oggi ed i nuovi assunti, quindi la classe lavorativa più giovane.

=> Esodati: dal Governo una sesta salvaguardia

Servirebbe quindi attuare delle misure volte a favorire da una parte l’occupazione dei giovani e dall’altra a riordinare il sistema pensionistico nel nostro Paese tutelando i lavoratori sia nel presente che nel futuro. Tra le proposte in questo senso c’è quella, già appoggiata da Giuliano Cazzola, ex vicepresidente della commissione Lavoro della Camera dei Deputati, e Tiziano Treu, giuslavorista ministro del Lavoro negli anni Novanta e in seguito parlamentare del Pd, in una logica bipartisan nella XVI Legislatura:

  • per evitare un nuovo caso esodati, le nuove regole di una eventuale Riforma delle Pensioni dovrebbero valere solo per i nuovi assunti e nuovi occupati;
  • si dovrebbero rendere i contributi previdenziali indipendenti dalla forma contrattuale del lavoratore, fissando un’aliquota uniforme, ad esempio del 25%-26%, per dipendenti, autonomi e parasubordinati, e dando luogo ad una pensione obbligatoria di natura contributiva;
  • bisognerebbe istituire un trattamento di base allineato con l’importo definito per l’assegno sociale e finanziato dalla fiscalità generale. Una garanzia per chi non riesca ad assicurarsi un trattamento pensionistico che andrebbe a compensare la riduzione dell’aliquota.

=> Calcolo pensione con sistema retributivo, contributivo o misto

Una proposta che punta ad agevolare l’occupazione, riducendo il costo del lavoro con un’aliquota contributiva ridotta rispetto a quella attuale, e a rendere neutrale la tipologia scelta per il contratto di assunzione dal punto di vista pensionistico.

I Video di PMI

Quota 100: regole, pro e contro