HP annuncia l’acquisizione di EDS

di Marianna Di Iorio

scritto il

Attraverso un accordo pari a 13,9 miliardi di dollari, HP ha annunciato di aver acquisito Electronic Data Systems. Obiettivo? Competere con IBM nel mercato dei servizi IT

«È un giorno storico per HP e EDS. Da soli siamo entrambi leader nel rispettivo mercato. Insieme diventiamo un leader globale, pronti a servire i clienti con la soluzione più completa e competitiva». Con queste parole, Mark Hurd, Ceo di HP ha annunciato l’acquisizione di EDS da parte della sua azienda.

Si tratta di un accordo da cifre da capogiro, non solo per i 13,9 miliardi di dollari spesi da HP per ottenere l’acquisizione, ma anche per come si prospetta il futuro: un’azienda grandissima e potente con oltre 300mila dipendenti e un fatturato di circa 130 miliardi di dollari.

Obiettivo dell’azienda statunitense, fino a questo momento focalizzata sulla parte hardware, è quello di acquisire una posizione strategica nel settore dei servizi IT, consapevole di trovarsi davanti un mercato in forte espansione e con un notevole margine di guadagno. Per servizi IT si intende principalmente consulenza, assistenza tecnica, supporto nella pianificazione dei processi, ecc. Un’onda che IBM ha già deciso di cavalcare e che presto, con molta probabilità, dovrà condividere con HP.

A EDS sarà garantita una “parziale” indipendenza, prenderà il nome di EDS – HP company e manterrà la sede legale in Texas e il suo attuale amministratore delegato. «Oggi è il segno che sta per iniziare una entusiasmante nuova era», ha affermato Ron Rittenmeyer, Ceo di EDS.

Le due aziende fanno sapere che la fusione creerà utili già a partire dal 2009 e per tutto il 2010.