Tratto dallo speciale:

Riforma Pensioni: calendario e novità

di Barbara Weisz

scritto il

Modifiche all'anticipo APE, negoziato politico dal 21 settembre: calendario e dibattito al tavolo sulla Riforma Pensioni nella Legge di Stabilità 2017.

Pensioni
Regole più flessibili
per
l’anticipo pensionistico APE, fulcro della Riforma Pensioni presentata dal Governo alle parti sociali e al centro del tavolo che tornerà a riunirsi dopo la pausa estiva il 21 settembre, primo incontro della “fase 2” del negoziato, che finora è servito alla presentazione nel dettaglio delle misure allo studio.

=> Riforma pensioni: i punti del negoziato

Fra i cambiamenti in vista c’è l’introduzione di misure meno rigide per la fruizione del prestito APE (trattamento facoltativo per lavoratori a cui mancano massimo tre anni per l’età pensionabile):

  • Il lavoratore potrebbe decidere di utilizzare l’ammortizzatore sociale per la flessibilità in uscita in modo parziale, al 50% o al 25%.
  • Come noto, l’APE è un anticipo sull’assegno previdenziale, che poi il pensionato ripagherà con un piano di rateazione ventennale; con la variante allo studio, il lavoratore potrà scegliere di farsi anticipare solo una parte del reddito pensionistico, continuando a distribuire la restituzione con rate ventennali.
  • Previste anche la possibilità di riscuotere in anticipo la pensione integrativa e quella di lavorare durante l’APE.
  • E’ infine oggetto di dibattito la misura delle agevolazioni che serviranno a ridurre, fino eventualmente ad azzerarla, la rata di restituzione.

=> Riforma pensioni: i punti critici dell’APE

Il confronto sulla Riforma Pensioni proseguirà poi su lavoratori precoci (ipotesi: maggiorazione convenzionale età contributiva per anticipare di due anni la pensione), ricongiunzioni onerose, lavori usuranti, modifiche alla no tax area e altre misure per pensioni basse, contribuzione volontaria, scatti di adeguamento all’aspettativa di vita.

Calendario negoziati

  • martedì 6 settembre riunione tecnica sul lavoro,
  • lunedì 12 settembre sulla previdenza,
  • primo vertice  “politico” il 21 settembre, dopo la presentazione della Nota di Aggiornamento al Def.

L’obiettivo della trattative è arrivare a una Riforma Pensioni da inserire in Legge di Stabilità 2017, anche se non si esclude l’ipotesi di una legge specifica, da approvare prima della manovra.