Ricalcolo pensione precoci: regole sui contributi giovanili

Risposta di Barbara Weisz

scritto il

Carmine chiede:

Sono un pensionato precoce con sistema di calcolo pensione misto: non mi sono stati conteggiati i 6 mesi per ogni anno lavorato prima della maggiore età (in tutto sarebbero 4 anni), ma quei 2 anni complessivi mi permetterebbero di averne oltre 18 di contributi alla data del 31\12\1995  e questo mi consentirebbe di avere il ricalcolo con il sistema retributivo fino al 31\12\2011. Quel diritto non è cristallizzato?

La maggiorazione a cui lei fa riferimento, prevista dalla Legge Dini, non consente di valorizzare i contributi con il sistema retributivo ma è applicabile solo da coloro che hanno l’intera pensione contributiva, con versamenti successivi al 1996.

In altri termini, visto che nel suo caso i contributi sono stati versati prima del 31 gennaio 1995, e sarebbero quindi valorizzabili con il sistema retributivo, non si possono conteggiare.

Nel suo caso, non si aggiungono due anni al requisito per la pensione, collocandoli in un periodo valorizzabile con il sistema retributivo. Se lei, con i contributi effettivamente versati, non raggiunge i 18 anni prima del 1996, resta nel sistema misto.

=> Calcolo decorrenza pensione online

Il riferimento  è il comma 7 dell’articolo 1 della Legge 335/1995, in base al quale, per le pensioni liquidate esclusivamente con il sistema contributivo, gli accrediti per i periodi di lavoro prima dei 18 anni vengono moltiplicati per 1,5. La maggiorazione, quindi si applica solo nel caso in cui la pensione sia liquidata con il contributivo con primi versamenti successivi al 1° gennaio 1996.

Hai una domanda che vorresti fare ai nostri esperti?

Chiedi all'esperto

Risposta di Barbara Weisz